Zara, nasce il primo pop up store </br> Attenzione allo shopping hi-tech

Zara, nasce il primo pop up store
Attenzione allo shopping hi-tech

A Londra Zara apre il suo primo store in cui si fondono shopping on line e off line.

Secondo recenti stime è sempre più diffusa l’abitudine ad acquistare on line. Sarà per l’instantaneità di un sito e-commerce o di un’app dedicata sempre a portata di mano o la possibilità di non essere costretti a code estenuanti, folle e spintonamenti, ma ormai lo shopping on line si avvia a superare la classica esperienza d’acquisto. Sono infatti in molti i brand che, compresa la rivoluzione in atto, si preparano a ripensare i modi di approcciarsi alla propria clientela.

Dopo Amazon anche Zara, il marchio di abbigliamento più amato dai millennials, sta sperimentato un nuovo concetto di store in cui shopping on line e off line si integrano. Nel mega centro commerciale Westfield Stratford di Londra, Inditex, la multinazionale di cui fa parte anche Zara, ha aperto un pop-up store in cui sarà possibile scegliere i capi che verranno recapitati a casa. Lo store si estende su 200 metri quadrati.

zara londra

Cosa accade nel pop-up store di Zara

Il sistema è molto semplice. All’interno del punto vendita londinese non ci sono commessi o casse ma uno staff munito di tablet. Dopo avere individuato il capo che si intende acquistare, basterà pagare tramite un sistema blue-tooth di ultima generazione che leggerà la carte di credito del cliente. Attraverso lo stesso modello, inoltre, si potranno effettuare cambi e resi. Gli acquisti fatti entro le ore 14.00 verranno recapitati in giornata direttamente a casa. Per quelli effettuati nel pomeriggio bisognerà attendere il giorno seguente.

Le vere fashioniste saranno aiutate anche nella creazione dei propri outfit. Gli specchi del pop-up store di Zara non serviranno solo per i selfie: una volta scansionato il codice RFDI di ciò che intendiamo acquistare basterà posizionarsi davanti agli specchi elettronici per poter abbinare altri capi e accessori presenti in store. Tramite questa nuova tecnologia sarà inoltre possibile individuare la taglia corretta e controllare la disponibilità.

zara londra

Come sarà il nuovo store Zara del  Westfield Stratford

L’esperimento di Zara coincide con la chiusura per ristrutturazione del flagship store del Westfield Stratford. Con la riapertura a maggio, i nuovi locali si estenderanno su 4500 metri quadrati dedicati come sempre alle collezioni donna, uomo e bambino. Nel nuovo concept vi sarà anche un’area dedicata alla raccolta degli ordini on line collegata a due magazzini destinati alla gestione meccanizzata di 2400 pacchi. I capi on line potranno essere infine pagati attraverso le app di app Zara, Inditex e InWallet.

zara londra

Accanto alle casse inoltre sarà predisposta un’area self-checkout. Avvinando i capi il sistema riconoscerà i codici elencandoli su uno schermo. Prima di pagarli si potrà quindi scegliere o meno di confermare e procedere al pagamento decidendo di stampare la ricevuta o di memorizzarla sullo proprio smartphone. Al momento l’azienda sta procedendo nella sperimentazione concentrandosi solo sul territorio inglese ma sono molti gli indizi che ci fanno sperare che queste nuove tecnologie verranno estese ad altri store della catena.

 

 

 

 

Lascia un commento

*