Voldemort – Origins of the Heir </br> La recensione del fan film

Voldemort – Origins of the Heir
La recensione del fan film

E’ on line il tanto atteso fan film dedicato alle origini di Voldemort. Ecco la recensione di Leisì

Ne sentiamo parlare da mesi sui social e finalmente Voldemort – Origins of the Heir è on line. Uscito lo scorso 13 gennaio, il fan film dedicato al mondo di Harry Potter e alla nascita del Signore Oscuro, ha già totalizzato oltre 11 milioni di visualizzazioni su Youtube. Il mediometraggio (della durata di poco più di 52 minuti) infatti è stato distribuito gratuitamente sulla piattaforma a beneficio di tutti i fan.

Voldemort – Origins of the Heir, come dicono gli stessi titoli di apertura, è un fan film fatto per i fan. E’ un prodotto indipendente di Tryangle Films, non commerciale e non legato alla Warner Bros. e a J.K. Rowling. La sceneggiatura originale è stata scritta da Gianmaria Pezzato, nelle vesti anche di regista, che ha attinto dalla storia potteriana creando un universo parallelo, con personaggi nuovi, ma ad essa strettamente legato.

voldemort origins of the heir

Foto di Backstage di “Voldemort – Origins of the Heir”

Trama

Il film si apre con un duello magico all’interno del quartier generale degli Auror Sovietici nel quale si è infiltrata l’Auror britannica Grisha Mac Laggen (Maddalena Orcali) alla ricerca di un misterioso oggetto appartenuto a Tom Orvoloson Riddle (Stefano Rossi). Catturata viene interrogata dal Generale Macarov (Alessio Dalla Costa) il quale riesce ad estorcerle la verità attraverso un’iniezione di veritaserum. Da questo momento iniziano vari flashback intercalati dalle scene di dialogo con Macarov.

Tom Riddle, elegante e affascinante studente dell’ultimo anno di Hogwarts, è già consapevole delle sue notevoli capacità. Al suo fianco i tre amici di sempre, Lazarus Smith, Wyglaf Sigurdsson e Grisha Mac Laggen, accomunati dalla volontà di portare giustizia e pace nel mondo magico. Ma tutti e quattro sono anche legati dalle loro nobili origini, eredi delle quattro casate fondatrici di Hogwarts. Con il tempo la sete di potere inizia a prendere il sopravvento accecandolo e cancellando in lui ogni traccia di bontà. Solo Grisha, la più vicina a Riddle, proverà a fermarlo e a salvarlo.

voldemort origins of the heir

Recensione

Se si pensa che Voldemort – Origins of the Heir è un film realizzato con poco meno di 15mila euro raccolti attraverso una campagna di crowfounding su Kickstarter, con la collaborazione della Trentino Film Commission e la produzione esecutiva di Stefano Prestia, il risultato ottenuto si presenta ancora più pregevole. Sebbene con numerosi difetti dovuti al doppiaggio (il film girato in italiano è stato doppiato in inglese per renderlo fruibile a livello internazionale) nella maggior parte dei casi non sincronizzato, alcune sequenze fin troppo simili a un videogioco montate in dissonanza con il resto delle scene e l’eccessiva, a tratti, teatralità delle recitazione, il fan film di Pezzato presenta anche punti di elevata qualità.

Gianmaria Pezzato infatti ha saputo curare non solo la sceneggiatura, rendendola abbastanza coerente con la trama originale e creando dei personaggi ben strutturati, ma è stato anche capace di rendere anche il contesto molto credibile al pari delle grandi produzioni hollywoodiane. Interessanti e dettagliati gli effetti visivi ma anche la scenografia e la fotografia che hanno saputo trasformare i paesaggi trentini e i piccoli spazi in set di alto livello. Una nota bisogna segnalarla anche per l’interprete di Grisha adulta, Maddalena Orcali, la cui dizione e recitazione mostrano già grande maturità nello studio del personaggio.

Il film

Lascia un commento

*