Vegetariani sì o vegetariani no? </br> Sentiamo cosa dice l’esperta

Vegetariani sì o vegetariani no?
Sentiamo cosa dice l’esperta

Questo tipo di alimentazione è diventata ormai una moda. Ma sarà corretta?

Negli ultimi anni la dieta vegetariana è diventata una vera e propria moda in Italia, tant’è che il nostro paese si aggiudica il primo posto in Europa. Sono moltissime le persone che scelgono di eliminare la carne dalla propria dieta per diversi motivi. Ma escludere completamente alcuni alimenti dalla propria dieta fa bene o no? Ne abbiamo parlato con la nostra dietista, la dottoressa Sabrina Muffatti.

“I vegetariani possono contare sul contributo di due fonti di proteine animali: uova e formaggi – ha spiegato la dottoressa – oltre a queste, esistono anche fonti di proteine vegetali sulle quali poter fare affidamento: i legumi, certi tipi di cereali, ad esempio, quinoa, amaranto e grano saraceno contengono più proteine di pasta e riso, certi tipi di frutta oleosa come arachidi, anacardi e pinoli, e succedanei vegetali come tofu e seitan”. L’uovo dunque è l’alimento che i vegetariani non devono escludere dalla propria dieta perché è la maggiore fonte di proteine. Inoltre associare i legumi ai carboidrati non è sbagliato, anzi è la scelta migliore per consumarli.

La dottoressa Sabrina Muffatti.

La dottoressa Sabrina Muffatti.

“I vegetariani inoltre devono stare attenti a non incorrere in carenze di alcuni sali minerali come calcio, ferro e zinco – ha continuato – il calcio lo potete assumere dal latte, latticini, frutta oleosa e verdure appartenenti alla famiglia delle crucifere, come broccoli, ravanelli, rucola e rape. Il Ferro lo trovate in erbe aromatiche e spezie, negli spinaci e broccoli a cui è importante aggiungere succo di limone per favorirne l’assorbimento. Il ferro si trova anche nei legumi, soprattutto nelle lenticchie, ma è importante l’ammollo e una cottura di lunga durata per potere inattivare i fitati che riducono la biodisponibilità dei sali minerali. Infine lo zinco è un minerale presente principalmente in fonti animali. Tra i vegetali, ne sono buone fonti anche le arachidi, le noci, i pistacchi, i fagioli, i ceci e i cereali integrali”.
Oltre all’aumento dei vegetariani si è registrato anche quello dei vegani. Ma quali sono le differenze?

dieta-vegetariana-leisi
“La differenza sostanziale è che i vegetariani non mangiano carne, né di animali che vivono sulla terra né in mare quindi niente carne, salumi, pesce, molluschi e crostacei. I vegani, invece, rifiutano tutti i cibi di origine animale, compresi i loro derivati – ha concluso – questo perché l’obiettivo è non solo quello di non uccidere gli animali, ma anche di non farli soffrire sfruttandoli per le nostre esigenze alimentari. Ciò vuol dire che, oltre a non mangiare carne, salumi, pesce, molluschi, crostacei non mangiano nemmeno le uova, il formaggio, il miele. In quest’ultimo caso l’alimentazione deve essere ancora più attenta e consapevole per evitare l’insorgere di eventuali carenze”.

Lascia un commento

*