Hilfiger per i diversamente abili </br> Capsule collection Tommy Adaptive

Hilfiger per i diversamente abili
Capsule collection Tommy Adaptive

Nasce la prima collezione di un brand di lusso pensata per chi presenta difficoltà motorie.

Sensibilità verso chi ha difficoltà a gestire anche i più piccoli gesti della vita quotidiana, per la prima volta un concetto legato a una casa di moda di lusso: nasce la capsule collection Tommy Adaptive by Tommy Hilfiger. Modelle disabili hanno già sfilato in passerella e Dior ha realizzato un abito appositamente per l’atleta Bebe Vio, ma mai una maison abituata a disegnare abiti prêt-à-porter o haute couture si era immedesimata a tal punto nella vita di un diversamente abile.

Questa la scelta di Tommy Hilfiger che ha disegnato la collezione Tommy Adaptive pensata per i portatori di handicap. Non stampe o tagli di tendenza ma una modellistica curata per agevolare i movimenti i soggetti con difficoltà motorie.

Dettagli smart fanno la differenza in Tommy Adaptive: cerniere, zip, chiusure in velcro e magneti permettono di indossare i capi in maniera semplice e autonoma. Indossare un abito per chi non è provvisto, per esempio, di entrambi gli arti potrà risultare più agevole e allo stesso modo chi utilizza protesi gambali o plantari ortopedici, grazie ad orli regolabili e a cuciture studiate appositamente per inserirle con maggiore praticità. Presenti anche ganci e anelli per fissare, se necessario, i capi.

La collezione comprenderà oltre 70 capi per adulti, 37 per uomo e 34 per donna e sarà glamour strizzando l’occhio allo stile sporty con tessuti tecnici e denim, righe e colori che vanno dal rosso al bianco al blu su maglie, abiti e pantaloni.
La capsule Adaptive è il secondo passo verso l’inclusività per la casa di moda statunitense dopo il successo ottenuto dalla collezione per bambini disabili lanciata nel 2016 in collaborazione con l’associazione no profit Runway of Dreams.

Lascia un commento

*