Smateria, il brand di borse create </br> con materiali di scarto e reti

Smateria, il brand di borse create
con materiali di scarto e reti

Da un’idea di due italiane in Cambogia, un progetto che da lavoro alle donne.

PALERMO – Il mondo della moda e degli accessori regala sempre nuove sorprese. Una di queste è “Smateria”, la linea di borse create con materiali di scarto e reti da pesca. Un progetto nato dall’idea di Jennifer Morellato ed Elisa Lion, due italiane trapiantate in Cambogia, che hanno deciso di mettere su un’azienda che rispetti l’ambiente e in grado di dare lavoro a tante donne.

Un’idea nata quasi per caso. “L’avventura di Smateria – si legge sul sito – è iniziata quando le fondatrici Jennifer Morellato ed Elisa Lion si sono incontrate in Cambogia, condividendo una passione per la creatività, la sostenibilità e gli affari”. Così è iniziato un percorso di prove e sperimentazioni prima di giungere ad un prodotto finale soddisfacente. Dopo aver prototipato la prima borsa con materiali riciclati, infatti, si sono lanciate in un’iniziativa imprenditoriale di successo.

Il problema dei rifiuti investe oggi l’intero pianeta, ma mentre l’Occidente cerca di porvi rimedio con attività e progetti per ridurre e riciclare gli eccessi, il Sud-Est asiatico è letteralmente soffocato d questi rifiuti. Enormi quantità di plastica e di imballaggi si riversano nel mare e nell’ambiente con risvolti seriamente negativi sull’inquinamento.

Dalla coscienza di un grande pericolo causato dall’inquinamento, nasce l’idea di Smateria. L’azienda si preoccupa di creare borse e accessori innovativi con materiali riciclati laddove sia possibile, fondendo insieme moda, giocosità e coscienza sociale. Un modo per dare una nuova vita a plastica, scampoli di pelle, tetrapack e reti da pesca, che altrimenti andrebbero soltanto a rovinare l’ambiente e la salute di animali e persone.

La cura dei dettagli è al centro del brand Smateria. Si parte da una scelta accurata dei materiali da utilizzare, passando poi allo sviluppo di un progetto di marketing per concludere con i controlli di qualità. Da un piccolo garage utilizzato come laboratorio in Cambogia nel 2006, adesso Smateria conta numerosi negozi a Siem Reap e Phnom Penh, store online e distributori in tutto il mondo.

Un’opportunità di lavoro per le donne. Oltre l’80% di dipendenti sono donne, alle quali Smateria garantisce la possibilità di crescere professionalmente, di avere un centro di assistenza gratuito per l’infanzia, lezioni di inglese, doppio congedo per maternità e assistenza familiare, assicurazione sanitaria, ferie retribuite e un equo compenso. “La nostra missione – si legge sul sito – è creare un luogo di lavoro sicuro e felice in cui alle donne cambogiane venga dato spazio per prosperare”.

Immagini by smateria.com

Lascia un commento

*