Smaltire i chili in eccesso dopo le feste? </br> I consigli della nostra dietista

Smaltire i chili in eccesso dopo le feste?
I consigli della nostra dietista

Alcuni consigli dietetici per riprendere la linea dopo l’abuso di pandori, panettoni e altre delizie.

Ci lasciamo andare, è proprio vero. Sono quei tre giorni, dal 24 al 26 dicembre, che della silhouette ci dimentichiamo del tutto e ci buttiamo a capofitto su ogni buffet sapientemente creato dalle mani di chi ci ha invitato a cena o a pranzo. E se siamo stati noi ad invitare, pur di saziare in abbondanza i nostri commensali, ci lanciamo in una sfilata di aperitivi, antipasti, primi, secondi, dolci e frutta, fresca e secca. La mattina del ventisette dicembre non osiamo nemmeno avvicinarci alla bilancia. Terrorizzati, da ciò che potrebbe essere successo. Prima di gridare alla tragedia, però, ci si può prendere qualche giorno per depurare il nostro organismo e smaltire facilmente il peso in eccesso.

La nostra specialista, Loretta Cosentino, dottoressa in Dietistica operante nel reparto di Medicina Interna e Ipertensione del Policlinico Paolo Giaccone di Palermo, ci suggerisce alcuni consigli per riprendere in breve la nostra linea.

Per evitare di arrivare alla fine delle feste con diversi chili in più è bene avere delle accortezze prima, durante e dopo pranzi e cenoni. Non bisogna essere troppo drastici ma neanche mangiare a dismisura solo perché ‘è festa’. È giusto mangiare un po’ di tutto. Capita spesso, però, che ci sediamo a tavola affamati e tendiamo a mangiare di più all’inizio, con l’effetto di sentirci pieni al momento del primo e sgradevolmente pieni a fine pasto, con la promessa di non mangiare più in questo modo!”.

“Le indicazioni sono semplici – prosegue la dottoressa –  assaggiamo ogni portata, riempiamo il piatto una volta sola evitando i bis e riduciamo le porzioni di ogni portata. Evitiamo di sgranocchiare grissini e di accompagnare il secondo piatto con il pane; preferiamo sempre le verdure come contorno. Al bando le bibite gassate e sì ad un buon bicchiere di vino”.

“Per quanto riguarda i dolci, in queste occasioni abbondano sempre: panettoni, pandori, torroni, cassate, buccellati e chi più ne ha più ne metta. Scegliamone uno, quello che stuzzica di più il nostro desiderio, e prendiamone una piccola fetta. In termini di calorie e nutrienti c’è di sicuro una piccola differenza ma, in ogni caso, la parola d’ordine è non esagerare”.

“Indicazioni anche per gli avanzi, che continuano a minacciare la nostra forma fisica anche il giorno seguente: “dopo pranzi o cene pesanti è sempre meglio evitare di consumare quello che è rimasto. Se vi sentite ancora pieni potete optare per una tisana al finocchio, menta piperita, zenzero e malva. Se, invece, avete ancora voglia di mangiare consumate un bel piatto di insalata verde e finocchi”.

“Nei giorni a venire e in vista della festa successiva, manteniamo a riposo il nostro apparato digerente: così come nei giorni precedenti, consumiamo più minestre, minestroni, legumi, verdure crude o cotte e preferiamo metodi di cottura semplici (es. cottura al vapore, lessatura, griglia ecc). Non dimentichiamo di bere tanta acqua anche sotto forma di tisane, infusi, tè e di fare un po’ di movimento”.

Lascia un commento

*