Successo per ‘Una Marina di Libri’ </br> Tema educazione e accessibilità

Successo per ‘Una Marina di Libri’
Tema educazione e accessibilità

Il festival letterario sbalordisce ancora una volta per la grande affluenza di visitatori.

PALERMO – Si è conclusa domenica 11 giugno l’VIII edizione di Una Marina di Libri, il primo festival letterario accessibile del Sud Italia. 25.000 presenze per i 250 eventi proposti dalle 90case editrici indipendenti tra i viali dell’Orto Botanico di Palermo. Si stima che siano stati venduti circa 12.000 libri.unamarinadilibri2017 (98)

Grande successo anche quest’anno. Ormai la Marina di Libri è un appuntamento fisso per lettori e non. L’ottavo incontro con i libri e la cultura ha chiuso con una numerosa affluenza di visitatori e un elevato numero di vendite, confermando la sua buona riuscita con grande soddisfazione degli editori presenti.unamarinadilibri2017 (93)

Un’edizione dedicata al tema dell’Educazione nelle sue diverse sfaccettature. L’insegnamento e il valore della lingua hanno avuto un grande spazio nel ricordo di grandi personaggi come Tullio De Mauro, che ha posto al centro l’educazione linguistica e l’alfabetizzazione, nella prospettiva di una cittadinanza attiva e democratica.unamarinadilibri2017 (87)

Un festival accessibile a tutti. Grazie alla collaborazione con l’Associazione Accessibilis, per la prima volta anche il Sud Italia ha permesso la fruizione di una manifestazione letteraria a persone con disabilità motorie, cognitive e sensoriali.

La Marina dedicata a Vito Parrinello. Scomparso improvvisamente da pochi giorni, Vito Parrinello, meglio conosciuto come patron del Teatro Ditirammu, è stato l’anima di un fermento culturale. La “Lapa” con cui girava la città di Palermo regalando racconti ed emozioni è stata esposta in un cortile dell’Orto Botanico.

Il piccolo teatrino ambulante del Ditirammu di Vito Parrinello.

Il piccolo teatrino ambulante del Ditirammu di Vito Parrinello.

Il biglietto non ha scoraggiato i visitatori. In questa edizione è stata introdotta la “novità” di un ticket d’ingresso, devoluto interamente all’Università di Palermo per la manutenzione del giardino museale che ha ospitato la manifestazione. Anche se all’inizio, abituato alla gratuità dell’evento, qualcuno aveva storto il naso, i palermitani e i turisti affluiti al botteghino hanno dimostrato che la voglia di cultura va ben oltre un biglietto di soli tre euro.unamarinadilibri2017 (83)

Il Festival che fa rete. Il CCN Piazza Marina & Dintorni che ha ideato l’evento insieme alle case editrici palermitane Sellerio e Navarra, i novanta editori indipendenti che hanno aderito al progetto, la collaborazione, ripristinata già nella scorsa edizione, con l’Università – che già valuta la possibilità di aprire l’accesso da Villa Giulia per la prossima edizione – e quest’anno anche con il Teatro Massimo, i tanti partner sostenitori e gli sponsor sono il segno di una Palermo ricca di focolai culturali che insieme possono realizzare grandi progetti.unamarinadilibri2017 (40)

Grande spazio dedicato ai bambini. La collaborazione della Libreria Dudi, dedicata appunto ai più piccoli, ha reso possibile un festival nel festival. Le libraie Maria Romana Tetamo e Raffaella Quattrocchi hanno coinvolto circa 800 bambini e 180 ragazzi delle scuole in 50 eventi pensati apposta per loro, intrattenendoli nel sempre affollatissimo “Viale della Fantasia” tra disegnatori e autori.

Nuove aree dedicate agli eventi. Quest’anno sono stati aperti spazi ulteriori rispetto all’edizione precedente, per consentire un maggior numero di eventi in contemporanea. Il comitato organizzativo, la gestione del service e la squadra di volontari hanno lavorato insieme per rendere il festival fluido e facilmente fruibile.unamarinadilibri2017 (36)

Una Marina da vivere. È una manifestazione a cui non si partecipa ma si entra a farne parte. Percorrere i viali dell’Orto Botanico nel silenzio mattutino in attesa del risveglio delle attività, passeggiare tra natura e libri, ascoltare, guardare, incontrare trasportano in una dimensione diversa dalla frenesia della quotidianità. Chi conosce la Marina di Libri se n’è già innamorato, per tutti gli altri l’appuntamento è all’anno prossimo, anno di Palermo Capitale della Cultura e di Manifesta, altra grande occasione per incrementare anche il turismo. Intanto si cercherà di rendere il festival sempre migliore.

Ecco alcuni scatti della manifestazione:

Lascia un commento

*