Sposa, Sarah Jessica Parker </br> inaugura la sua linea bridal

Sposa, Sarah Jessica Parker
inaugura la sua linea bridal

Arriva la nuova linea di abiti da sposa pensati e disegnati dalla protagonista di ‘Sex and the city’.

La regina degli eventi newyorkesi, almeno sul set della serie televisiva cult Sex and the city, torna alla ribalta con una collezione bridal disegnata da lei. Ricorderete sicuramente il suo matrimonio fallimentare nel film Sex and the city in cui l’attrice ha indossato un abito firmato Vivienne Westwood. Forse in pochi sanno che quando l’attrice ha deciso di convolare a nozze nella realtà, ha scelto di indossare un abito completamente nero. La Parker ha deciso adesso di disegnare una linea di abiti da sposa chiamata SJP Bridal Collection.

 

 

La linea SJP Bridal Collection nasce dalla collaborazione con il retail Gilt. Sarah Jessica Parker ha disegnato ben dieci modelli da poter abbinare a quindici paia di scarpe che portano sempre il suo nome, realizzati ad hoc per questi capi. Non potevano certo mancare le scarpe visto la sua venerazione di esse sempre nelle serie televisiva degli anni Novanta. L’attrice ha lasciato da parte fronzoli ed eccentricità, per proporre, invece, una linea che fosse contemporanea e anti-convenzionale. L’idea della Parker è quella di realizzare degli abiti da poter indossare anche dopo il giorno delle nozze, per occasioni più o meno formali.

 

 

Nelle collezione si possono trovare abiti lunghi, midi, svasati e anche tute molto sofisticate.  L’attrice ha scelto alcuni dettagli da aggiungere ad ogni abito per renderli particolari: dei fiocchi per chiudere le scollature sulla schiena, piccole piume applicate sugli abiti e anche qualche cristallo sparso qui e là per dei punti luce. Per quanto riguarda la scelta dei colori, Sarah Jessica Parker ha aggiunto al classico bianco anche il rosa confetto, l’azzurro serenity, il rosso e il nero. Il prezzo di questi abiti non è neanche troppo alto se si pensa che si tratta di abiti da sposa: dai duecentonovantacinque ai duemilaquattrocento dollari.

Lascia un commento

*