‘Rebirth’, di Charlie Burgio</br> Fotografia come rinascita dell’estro

‘Rebirth’, di Charlie Burgio
Fotografia come rinascita dell’estro

Il noto fotografo celebra la bellezza mettendo la donna al centro del suo nuovo progetto.

Dopo un anno e mezzo di lavoro il fotografo palermitano Charlie Burgio torna a stupirci con un nuovo progetto che celebra la bellezza, ‘Rebirth’. Una rinascita che ha al centro la donna, capace di rivendicare se stessa a favore della libertà e dell’indipendenza, soprattutto dagli stereotipi.

Un progetto a cavallo tra la Sicilia a Londra, città adottiva di Charlie, in cui la natura, e in particolare l’acqua, diventa simbolo della rinascita. Luci, colori e forme per affrontare importanti temi sociali tra i quali l’omofobia, tutto accompagnato da un video di backstage che esalta l’originalità del progetto. Abbiamo incontrato Charlie per farci raccontare questa strabiliante esperienza.

Cristina social 2

Hai già parlato di te in un’intervista precedente e ci hai detto che preferisci definirti ‘creativo’ piuttosto che ‘fotografo’. Quanto c’è di Charlie nel progetto ‘Rebirth’?

“Si dice che le opere di artisti e creativi siano frutto della loro esperienza di vita, del loro background culturale e delle emozioni che provano. Il progetto ‘Rebirth’ ne è la conferma. Ho scelto il termine  ‘Rinascita’ come titolo perché questo progetto rappresenta la rinascita del mio estro creativo in seguito al trasferimento a Londra, dove ho potuto ampliare la mia visione del mondo, conoscere grandi fotografi e sentirmi ispirato ancora una volta. Ho sentito un nuovo stimolo a spingermi oltre me stesso, oltre a ciò che già conoscevo e quindi ad osare. C’è una parte molto personale di me nello short-film ‘Where is the Feeling?’ che racconta di un amore trovato e poi perduto”.

 

‘Rebirth’ indica una rinascita e hai inserito elementi della natura come l’acqua, continuando poi con giochi di luci e colori. Quale messaggio vuoi mandare con questo progetto?

“I messaggi all’interno di ‘Rebirth’ sono molteplici e vengono espressi in modi diversi. Il senso del viaggio verso l’infinito che ricorda l’importanza della libertà di essere se stessi ed esprimersi svincolandosi dai clichè e dalle regole che la società impone. Si affronta anche il tema dell’omofobia in ‘Future Lovers’ che vuole essere un invito all’amore universale e all’accettazione. Rebirth si propone di scardinare la bellezza dalla banalità del già visto e dall’artificiale proponendo una bellezza che riflette il nostro IO.  L’acqua è il filo conduttore del progetto, l’elemento che plasma la bellezza e la trasforma. Nel video di backstage si può notare un fiore di loto che emerge dalle acque del Mar Mediterraneo, anch’esso simbolo di rinascita”.

Giorgia social 4Bellezza, forza d’animo, maturità, accettazione di sé. Una donna vera e sicura è al centro del progetto appena realizzato. A quale modello o idea ti sei ispirato?

“Credo che ‘Rebirth’ sia un progetto estremamente attuale e moderno perchè non si limita a mostrare un amore per la fotografia in sé, ‘art for art’s sake’, ma vuole anche comunicare a chi lo guarda ora un’emozione ora un’idea. L’ispirazione viene dalla vita di tutti i giorni, dal mio amore per l’arte e dal mio bisogno di tenere vivo il mio sapermi meravigliare”.

Un progetto diviso tra Londra e Sicilia, quattro set iniziali che sono diventati poi ben 12. A quale luogo di ‘Rebirth’ ti senti più legato e perché?

“Sebbene la fase di progettazione di Rebirth si sia svolta a Londra, i luoghi dove il progetto ha preso vita sono quelli della mia amata Sicilia. Tra questi la bellissima Mondello e l’Orto Botanico di Palermo dove abbiamo ricreato una bellezza amazzone forte e fiera come si vede dalle immagini del video di backstage. Molti dei set si sono svolti in studio dove, grazie all’aiuto del mio assistente di produzione Luca Scalici, si è fatto un elaborato lavoro di set design ricreando atmosfere uniche ed originali”.

La realizzazione di questo progetto è stato un impegno notevole ma con l’intero team, tra make up artist, hairstylist e modelle, si è creato un rapporto umano solido. Quando scenderai nuovamente in campo? C’è già qualche nuova idea in cantiere?Sara social 5

“Sono molto orgoglioso del mio team, mi ritengo fortunato ad avere incontrato persone di grande talento come l’hairstylist Antonello Baiamonte e la make-up artist Sonia Monte che rappresentano la mia famiglia creativa già da anni, affiancati per ‘Rebirth’ dalla make-up artist Vera Musso e dall’hairstylist Mauro Quattrocchi. L’importanza di creare un buon rapporto con il team e le modelle è fondamentale per me, proprio per questo ho deciso di dare loro voce all’interno del video di backstage dove hanno avuto modo di raccontare la loro esperienza, il loro talento e di come un’idea prende forma e diventa realtà. Il progetto Rebirth è concluso ma seguiranno  due pubblicazioni a Marzo ed Aprile, le foto ed il video del set dell’Afternoon Tea e lo short-film contro l’omofobia ‘Future Lovers’. Una nuova idea è già in produzione e vedrà presto la luce ma la vera svolta avverrà questa estate quando esplorerò nuove direzioni creative”.

Il successo del progetto ‘Rebirth’ è testimoniato dalla diffusione avuta già nel 2015 sui social, con un totale di oltre 20.000 visualizzazioni tra video teaser, short-film e showreel dedicati alle modelle. Nel video disponibile su YouTube, oltre ai già citati componenti del team, sono presenti le modelle Marta Siino, Ginevra Ardizzone, Sara Priolo, Cristina Voluti, Maria Luisa Pandolfo, Giorgia Salvaggio, Giulia Cutrona. Tutte le foto sono visibili sul sito personale di Charlie Burgio. Non perdetele.

Qui di seguito, il video del backstage:

Lascia un commento

*