Tanti auguri Rabbit Hole! </br> Il locale festeggia il suo primo anno

Tanti auguri Rabbit Hole!
Il locale festeggia il suo primo anno

Il locale a tema Alice nel Paese delle Meraviglie di Palermo, festeggia il suo primo anno. Ecco cosa è accaduto

PALERMO. Ad un anno di distanza ci rivediamo al Rabbit Hole. Il locale a tema “Alice nel Paese delle Meraviglie” del centro città ha festeggiato il suo primo compleanno. Da un’idea dei due giovani siciliani Silvia Scattareggia e Roberto Saccomando, il Rabbit Hole ha riscosso grande successo attirando e stuzzicando la curiosità di tutti i fan, non solo di Alice ma anche di tutti i personaggi della Disney. Proprio insieme a loro Silvia e Roberto hanno voluto festeggiare il traguardo del primo anno con una grande festa coinvolgendo, inutile dirlo, i personaggi di Wonderland.

LEGGI ANCHE: Nasce a Palermo il Rabbit Hole. Locale a tema “Alice in Wonderland”

La Regina di Cuori, il suo esercito di carte, Alice, il Cappellaio Matto e il Bianconiglio hanno accompagnato i loro speciali invitati da piazza Verdi direttamente nella Tana del Coniglio. E’ stato proprio il Teatro Massimo lo sfondo di un delirante flash mob sulle note di What You Waiting For di Gwen Stefani. Ad esibirsi i ballerini della compagnia Warriors Crew. I festeggiamenti sono proseguiti al Rabbit Hole dove Silvia e Roberto, spente la prima candelina di rito, hanno omaggiato la loro special cake a tutti coloro che hanno avuto il piacere di trascorrere una domenica pomeriggio diversa dalle altre.

rabbit hole palermo

Il primo anno del Rabbit Hole

Ma cosa è accaduto al Rabbit Hole in un anno? “Quello appena passato è stato un anno pieno di grandi soddisfazioni. Sono venuti a trovarci più di 12mila visitatori che continuano a seguirci!”, racconta entusiasta Roberto Saccomando. Tante le novità inserite all’interno del locale: “Abbiamo creato un ambiente al piano di sopra con nuovi arredamenti – spiega Silvia Scattareggia – con tavolini su grandi libri al posto dei piedi, affreschi di giganteschi orologi sulle pareti e sui soffitti”. “Sullo stesso livello di questa sala ne creeremo un’altra – aggiunge Roberto – il cui protagonista sarà il Brucaliffo”.

Ma le sorprese non finiscono qui perché “presto i nostri clienti – continua Saccomando – potranno scaricare la app del Rabbit Hole. Utilizzarla sarà molto semplice e permetterà di collegarsi a internet. Tramite questo sistema inoltre si riceveranno anche comunicazioni su eventi e promozioni alle quali si potrà avere anche diritto tramite una raccolta punti o dei gratta&vinci giornalieri a tema. L’app verrà rilasciata a breve – spiegano – e prevederà tanti aggiornamenti”.

rabbit hole palermo

Il nuovo menù del Rabbit Hole

Tante le nuove ricette che si aggiungono al ricco menù del Rabbit Hole. “Alla lista si sono aggiunti gli infusi biologici dai nomi stravaganti come il Soffio di Ciciarampa, le Lacrime di Grafobrancio, il Fante di Cuori e lo Scaccomatto”. Molto richiesto anche il Pu’er costituito da “un fiore cucito dentro foglie di tè bianco – spiegano Silvia e Roberto – che sboccia dopo l’infusione. E’ molto scenografico e la fioritura dura fino a tre giorni durante i quali può essere riutilizzato per assaporarne nuovamente l’aroma “.

Nell’estate si uniranno alla famiglia anche i tè freddi biologici prodotti direttamente al Rabbit Hole che si potranno completare con frutta fresca di stagione. Tra le nuove torte invece è molto richiesta è la Kit Kat rinnovata dalle mani esperte di Silvia: “E’ diversa dalla classica Kit Kat e per realizzarla ci siamo avvalsi anche del consiglio dei nostri clienti – raccontano – ricevendo sempre feedback positivi. Ascoltiamo infatti spesso i pareri di chi viene al Rabbit Hole che ci permettono di migliorare”.

rabbit hole palermo

Gli eventi al Rabbit Hole

Il Rabbit Hole si conferma inoltre il locale perfetto per festeggiare un’occasione speciale come un compleanno e, perché no, un addio al nubilato o al celibato. Ma sono stati tanti gli eventi dell’anno passato organizzati nella location esclusiva del Rabbit Hole. I clienti hanno infatti potuto festeggiare San Valentino o la Golden Week, festa nazionale giapponese, degustando i dolci tipici. “L’evento più riuscito è stato sicuramente quello organizzato per la notte di Halloween in occasione della quale – racconta Roberto – ci siamo catapultati in un Sottomondo dark”.

Queste sono solo alcune delle cose “impossibili” realizzate a Palermo dallo staff del Rabbit Hole che continuerà a sorprenderci nel 2018. Ancora tanti auguri!

rabbit hole palermo

Credit foto: Valentina Grasso

 

 

Lascia un commento

*