Plumeria di MORE: </br> La nuova bridal collection

Plumeria di MORE:
La nuova bridal collection

Ecco la nuova collezione di abiti da sposa realizzata dalla stilista palermitana di MORE, dedicata alla pomelia, il fiore esotico che ha conquistato la città.

Tradizione, eleganza e passione. Sono queste le linee guida della nuova collezione bidal 2018 realizzata dal marchio MORE. Vi abbiamo già parlato molte volte di Morena Fanny Raimondo, la giovanissima stilista siciliana che dopo aver fatto diverse esperienze ha deciso di tornare nella sua terra natia per riprendere la tradizione del “su misura”. Questa nuova collezione, Morena l’ha voluta dedicare ad un fiore che, dopo un lungo viaggio, come il suo, ha trovato a Palermo la sua patria divenendone il simbolo: la pomelia.

Dopo la collezione dedicata a Donna Franca Florio, Morena si lascia nuovamente attrarre dai mille segreti che la città di Palermo nasconde tra le vie del centro storico dove ha sede anche il suo atelier. “Vorrei legare sempre più More alla mia Palermo – spiega Morena Fanny Raimondo -. Oggi in tanti trovano nel Sud e nel suo folclore ispirazione. Pioniere di questo è Dolce & Gabbana, capace di far da traino ad altri piccoli brand che, sulla loro scia, ripropongono coffe, carretti, maioliche, teste di moro, pigne e cannoli dai colori accesi ma che rendono monotono l’ideale siciliano. Questa è una terra dalla lunga storia nobiliare, fatta di eleganza e sfarzo che, spesso, la moda non prende in considerazione”.

Plumeria è il nome scelto per questa nuova collezione e, anche in questo, la stilista ha voluto mantenere un grande legame con la tradizione utilizzando il nome botanico della pomelia. Dieci gli abiti in cady, pizzo chantilly, pizzo macramè, chiffon, organza, tulle point d’esprit, seta, cotone, lana ma soprattutto fiori d’organza intagliati e lavorati a mano presenti nella bridal collection.

Cornice di questi abiti eleganti che fanno sognare non poteva che essere uno dei luoghi dove la pomelia fiorisce e si può osservare in tutte le sue varianti: l’Orto Botanico di Palermo. “La pomelia è un fiore migrante che ha fatto di Palermo la sua casa – racconta la stilista -. Non è un caso se la prima ad aver indossato gli abiti di questa collezione, proprio all’Orto Botanico dove vengono custodite le più antiche specie, è una donna dai tratti stranieri. In questo preciso momento storico, infatti, pensare ad una collezione che rimandi interamente ad un fiore, sofisticato in botanica, emancipato in storia, è fondamentale per chi immagina la moda come l’ottava arte”.

Gli abiti di “Plumeria” sono minimali nei volumi delle gonne, abbandonando le sottogonne e i multi strato per avere delle linee più contemporanee. Questa collezione vuole proprio ricordare la tradizione siciliana senza dimenticare il tratto di modernità che non è mai mancata negli abiti realizzati da Morena. Infine, gli abiti di Plumeria sono stati realizzati grazie all’aiuto delle ricamatrici siciliane che, seguendo l’antica tradizione, hanno cucito ogni singolo fiore presente sugli abiti rendendoli dei pezzi unici.

Ecco la gallery della linea Plumeria: 

Lascia un commento

*