Papalove, l’amore tra padre e figlia </br> diventa un brand di bijoutteria

Papalove, l’amore tra padre e figlia
diventa un brand di bijoutteria

Benedetto Oliveri e le sue creazioni che si ispirano alla Sicilia.

L’amore di un padre per sua figlia trasformato in gioielli. È questo quello che fa Benedetto Oliveri che, insieme a Valentina, ha dato vita a un brand di gioielli: Papalove. Il nome racchiude in sé il significato profondo di quello che è il marchio, ovvero un padre che ha iniziato a creare bijoux per sua figlia. Creazioni che si ispirano alla immagini suggestive regalate dal mare, ai tramonti e alla natura che rappresentano la Sicilia. LeiSi ha chiesto proprio a Valentina di raccontare la nascita di questo brand.

10520521_395273900626143_7680096119855734489_nCome nasce Papalove?

“Tutto è iniziato l’estate scorsa quando, dopo aver visto un braccialetto fatto a mano su internet, ho chiesto a mio padre di realizzarne uno uguale – ha spiegato Valentina – è sempre stato dotato di particolare creatività, accompagnata da una manualità paziente e fantasiosa. In seguito gli chiesi di creare anche orecchini e collana: ne fece a decine. A quel punto ho pensato che sarebbe stato bello promuovere le sue idee, creando un brand vero e proprio”.

Cosa significa Papalove?

“Volevo che il nome del brand racchiudesse il concetto più importante: un padre che crea bijoux per la figlia e poi, avendo scoperto di essere bravo e portato per la creazione di gioielli, ha allargato il suo campo d’azione. Da quest’idea nasce Papalove: amore di papà. Lo stesso amore che lo spinge nella ricerca costante di nuovi modelli di studio e delle tendenze del momento.

10426814_385402778279922_6122224303663362490_nA cosa si ispirano i tuoi gioielli?

“La Sicilia è da sempre fonte d’ispirazione per artisti e scrittori – ha continuato Valentina – anche Papalove ha scelto le forme e le suggestioni regalate dal mare, dalla natura e dalle espressioni cromatiche di tramonti e albe. La linea di gioielli creata da mio padre, Benedetto Oliveri, è fresca e giovane”.

 

 

 

 

 

10665885_377024635784403_5837855871123614528_nChe materiali utilizzi?

“Utilizziamo i materiali che ci permettono di creare con facilità come il metallo, il rame, l’agate, le perline e la pasta di corallo – ha concluso – gli accostamenti tra colori e materiali sono sempre ben bilanciati e armoniosi, le linee seguono l’andamento dei corpi femminili, riproducono culture lontane con ideogrammi e simboli o richiamano la natura di farfalle e libellule, tutto con creatività e misura”.

Lascia un commento

*