Oscar Green, un siciliano in finale </br> Cracolici e la sua agricoltura sociale

Oscar Green, un siciliano in finale
Cracolici e la sua agricoltura sociale

Il vivaista palermitano ci parla del suo progetto per migliorare le condizioni dei giovani detenuti.

PALERMO – Damiamo Cracolici è stato fra i protagonisti lo scorso 26 gennaio a Roma, presso Palazzo Rospigliosi, degli Oscar Green nazionali,  manifestazione promossa da Coldiretti Giovani Impresa e giunta alla sua undicesima edizione. Nella capitale, alla presenza del presidente nazionale di Coldiretti Roberto Moncalvo e della delegata nazionale di Coldiretti Giovani Impresa Maria Letizia Gardoni, Damiano Cracolici, floro-vivaista che ha ereditato la passione per il vivaismo dal padre, ha presentato il suo innovativo progetto di agricoltura sociale. 

A luglio 2017 il giovane vivaista aveva vinto l’Oscar Green regionale con un progetto di agricoltura sociale che aveva visto la sua collaborazione con una cooperativa sociale che opera all’interno dell’Istituto Penitenziario Minorile di Palermo. 

 

I tre finalisti sul palco nel momento della premiazione.

 

Da quel momento il progetto di inclusione sociale è andato avanti fino alla scrittura di una convenzione tra la Coldiretti Palermo e l’Istituto Penitenziario Minorile di Palermo – spiega il vivaista –  per cui sarò impegnato in un vero e proprio corso di formazione”. Grazie al suo corso, i giovani detenuti potranno appredere le conoscenze teoriche e pratiche per trovare impiego nelle aziende agricole florovivaistiche . “Partecipare alla finale nazionale di Oscar Green è stato motivo di orgoglio e di riscatto per la nostra regione – conclude Damiano – la nostra terra ha bisogno di nutrirsi di buoni esempi, innovare per me significa non solo creare valore, ma valori! Come agricoltori abbiamo il dovere di custodire il nostro territorio e di migliorarne le condizioni sociali”.

 

I tre finalisti per ognuna delle sei categorie.

Lascia un commento

*