Moda, arte, musica allo Spasimo </br> “Influence of Art on Fashion”

Moda, arte, musica allo Spasimo
“Influence of Art on Fashion”

Riflettori puntati su uno dei simboli della città di Palermo in cui la moda si è fusa alle belle arti.

PALERMO – Un teatro a cielo aperto, la luce della luna che illumina una passerella naturale, profumo di gelsomino che la invade. Questi gli elementi dell’esperienza multisensoriale che ha coinvolto i selezionati ospiti di IAF – Influence of Art on Fashion mercoledì sera nello spazio polivalente dello Spasimo.

L’evento, patrocinato dal Comune di Palermo, dall’assessorato comunale alla Cultura, dalla scuola Politecnica dell’Università di Palermo e dall’Accademia delle Belle Arti, è stato fortemente voluto, organizzato e prodotto da Francesca Burgio e dall’Associazione Culturale Eventi Cult Communication & Marketing con lo scopo “di offrire alla città un nuovo concetto di defilé, diverso – spiega la Burgio – da quello proposto fino ad ora, uno spettacolo che rompe con il passato e i suoi schemi convenzionali. Per questo ho voluto fondere la moda ad altre espressioni artistiche come la scultura, la pittura, la danza e il teatro”. Un concept che verrà riproposto in altre tappe siciliane e italiane.

IMG_7617

Da sinistra le presentatrici Nadia La Malfa e Stefania Blandeburgo, il regista Roberto Capone e la produttrice Francesca Burgio.

Moda e Arte. Ad accogliere gli ospiti nel cortile esterno un soft happy hour accompagnato dalle note jazz di Sergio Munafò alla chitarra e Tony Piscopo alla voce e dalla mostra “Maestoso Pop Barocco” dell’artista Beatrice Feo Filangeri. Spazio di primo piano, all’interno della scenografia, è stato riservato al design dell’azienda Caruso Handmade che, da un’idea dello studente Fabrizio Lanza in collaborazione con il prof. el corso di studi in Disegno Indutriale Dario Russo e l’archivio Basile, in rappresentanza del quale è stata invitata la discendente Eleonora Marrone, ha rivisitato un divano Art Nouveau dei primi del ‘900 progettato da Ernesto Basile.

IMG_7379

Alle 21 si scaldano i motori e si illuminano sull’ex altare i cinque ledwall disposti in prospettiva teatrale in asse con un maxischermo in fondo alla navata trasformata per l’occasione in una lunghissima passerella di 35 metri. Effetti di luce ad aprire le danze la cui regia è stata affidata a Roberto Capone: “Ho voluto per IAF una regia cinematografica in cui sacro e profano, arte e moda si fondono mantenendo però – spiega Capone – sempre quella sottilissima linea che li separa. Colore sulle navate e grandi effetti di luce gli elementi distintivi di questa produzione”. La colonna sonora della serata invece è stata affidata a Dj Pex.

IMG_7554

Moda e Teatro. A presentare la serata la giornalista Nadia La Malfa accompagnata dalla voce di Stefania Blandeburgo alla quale è spettato il compito di recitare e di raccontare le collezioni in passerella. Ispirato alle musicalità della nostra terra l’intermezzo dell’attore siciliano Paride Benassai che si è esibito nei ritmi concitati di una tammurinata popolare.

Moda, Musica e Danza. Ad accompagnare il defilé dei leggeri abiti fluttuanti della stilista Maria Pia di Gaudio la voce della soprano Igani Simin. L’evento si è svolto all’insegna dell’internazionalismo con il corpo di ballo algerino di Sabah Ben Zaied che ha preceduto l’ingresso della stilista Souhir Ben Saad ospite insieme al suo brand di haute coture Esthere Maryline, tra i più apprezzati nel mercato orientale e che in passerella ha sfilato con una collezione di long dress che rielaborano i concetti di eleganza e femminilità con trasparenze tono su tono impreziosite da cristalli luminosi.

IMG_7605

Moda. La grande protagonista affiancata dalle belle arti ha infiammato lo spettacolo interattivo con le straordinarie collezioni haute coture di otto marchi siciliani. Ad aprire la sfilata, in un contesto allegro e giocoso che rimanda alle atmosfere dei mercati siciliani, i piccoli modelli di Hessian – Passi e Passetti che con spontanea professionalità hanno indossato le collezioni di Liu Jo, Pinko e Met.

Lo store Anais ha proposto invece le collezioni beach wear di Moschino, Michael Kors, Blumarine, Valerie Prestige e District Margherita Mazzei e, per le calzature, Quartararo ha proposto le novità della prossima stagione nei colori di tendenza 2017. Borse uniche e preziose realizzate con materiali pregevoli nei colori vividi dello smeraldo, dell’oro e del rubino in forme e tagli originali quelle presentare dal brand Vitussi di Vito Petrotta Reyes.

IMG_7437

Abiti da cocktail e da cerimonia barocchi ma dall’accento minimal e ricercato quelli creati da Stefano Minniti per Boutique Atelier Martorana. Grande attesa per la sfilata della collezione dell’haute couturier catanese Giovanni Cannistrà che ha stupito per il suo neobarocco eclettismo e la mescolanza di stili ispirati ai colori e alle tradizioni della sua Sicilia su tessuti raffinati come seta, chiffon e tulle.

IMG_7505

In passerella inoltre le creazioni di Simona Agnello, Marianna Abbate, Alberto Cangialosi, Valeria D’Aleo, Xin Yang, cinque nuovi talenti scelti dall’ente di formazione professionale dei mestieri Euroform.

Lascia un commento

*