Matrimonio stile Rockabilly </br> Vediamo come realizzarlo

Matrimonio stile Rockabilly
Vediamo come realizzarlo

Gonna a ruota e converse sono i tratti distintivi di questo tema.

Organizzare un matrimonio non è un’impresa facile, specialmente se si sceglie di dare un tema ben preciso. Bisogna stare attenti alle decorazioni, ai fiori e alla location affinché tutto sia perfetto. Un tema in ascesa negli ultimi anni è quello anni ’50 in particolare lo stile ‘Rockabilly’. Nato come genere musicale ha finito per contagiare anche l’abbigliamento. Rossetto rosso, smalto rosso e eye liner sono soltanto alcuni elementi ricorrenti. Ma vediamo nello specifico come si può realizzare un matrimonio rockabilly style.

0cf328aea24e87ecc3973ac9c7c94464
Partiamo dalle decorazioni. Il colore maggiormente legato a questo stile è il rosso. Ovviamente potete utilizzarlo con fantasie diverse tipo i pois. Non può mancare il riferimento alla musica. Quindi come sottopiatto potrete utilizzare vecchi vinili, e anche la partecipazione può essere fatta con un piccolo vinile. All’interno della sala del ricevimento non deve mancare un juke box. Un ruolo centrale è affidato alla torta. A più piani, base bianca con disegni tipici del periodo che possono riprendere i tatuaggi, ad esempio un cuore trafitto.

0000
La sposa invece deve prediligere ovviamente un abito corto con gonna a ruota. La cosa più importante sono gli accessori. Si può optare per una cintura che accentui ancora di più il punto vita da abbinare alle scarpe e all’acconciature che deve essere molto vaporosa. Il bouquet di rose rosse in questo caso è un must. Le vostre damigelle invece possono indossare un paio di jeans a sigaretta e vita alta e una camicia annodata in vita.
Anche lo sposo dovrà rispettare questo tema, scegliendo il panciotto o la cravatta dello stesso colore del bouquet della sposa. Le converse sono un vero classico per completare il look, specialmente se rosse.

rockabilly-meets-a-hint-of-dia-de-los-muertos-at-a-50s-inspired-san-diego-wedding-463-int

 

 

Qui di seguito la fotogallery:

Lascia un commento

*