Le gonne più glamour della prossima stagione?</br> Miky Cairone: “Parola d’ordine Longuette”

Le gonne più glamour della prossima stagione?
Miky Cairone: “Parola d’ordine Longuette”

Il nostro esperto di moda, modellista del brand Motivi, dà alcuni consigli alle nostre lettrici per non sbagliare mai.

Nella primavera estate 2015 la gonna pare avere un posto d’onore. Ritorna di moda  soprattutto per contrastare il jeans evergreen. Ma quali sono i modelli più glamour e come si abbinano? Ne abbiamo parlato con il nostro esperto di moda Miky Cairone, modellista del brand Motivi.

longuetteQuali sono i modelli più in voga?

“Il primo colpo d’occhio va sulla lunghezza. Longuette e’ la parola d’ordine con una lunghezza al ginocchio o appena sotto. La mini skirt rimane ad appannaggio del denim, in versione un po’ vissuta e della mini versione biker magari in ecopelle o in tessuti moderni effetto neoprene o nuve felpe ad effetto rilievo. La longuette detta pencil skirt, ovvero il tubino stretto al fondo, si declina in tessuti dalla mano tecnica, in punti stoffa cotoni e lane leggere. Adatta soprattutto al mondo urbano e al work office. Il modello più nuovo e’ sicuramente quello più svasato al fondo, dalla linea ad A. Vediamo dunque un nuovo concetto delle gonne per un uso quotidiano e moderno. Quindi gonne a ruota e mezza ruota,a corolla, gonne con soffietti che danno morbidezza e volume al fondo fino ad arrivare al concetto del plisse. La parola d’ordine della prossima stagione è dunque volume”.

 

 

Che tessuti troveremo principalmente?

“A seconda dei modelli possiamo vedere gonne in tessuti jaquard , georgette, rasi, tessuti in punto stoffa . Per le gonne a corolla e anni 50 sicuramente tessuti con armature sostenute per poter mantenere questa forma scostata dal corpo soprattutto nel fianco. In questo caso fanno anche capolino gonne con le vite un po’ più alte che sostituiscono la cintura con un elastico colorato o con un gros-grain”.

Quali sono invece le fantasie più gettonate?

“Per ciò che riguarda i colori passiamo dal bianco e nero al giallo, al marsala e ai colori cipria. Per le fantasie vere e proprie andiamo dai maxi flowers alle microfantasie, alle righe e ai disegni di sapore un po’ optical. Sicuramente puntare sulle fantasie colorate è glamour. Le donne più romantiche possono optare per preziose gonne in pizzo, macrame’, sangallo,  vichy e  plissé”.

 

gonna-midiQuali sono i modelli più particolari invece, per le ragazze che vogliono osare?

“Un po’ più di nicchia sono le maxi skirt: per l’estate sicuramente sono molto d’effetto. Ecco quindi affacciasi all’orizzonte gonne a balze in mix di fantasie e tessuto, gonne ampie in fantasie macro in tessuto leggero, fluide con tasche e magari con la cintura elastica effetto joggins. Infine gonnelloni in lino e in viscose stampate effetto foulard da portare con sandali zeppe e tuniche leggere impalpabili”.

 

 

 

 

Ogni gonna va comunque scelta in base alla propria fisicità. Dai qualche consiglio alle nostre lettrici per non commettere ‘orrori’ di stile.

 “Sicuramente la gonna questa stagione riesce a soddisfare tutti i tipi di donna soprattutto chi ha il problema del fianco più abbondante. Le line morbide e e svasate sono l’ottimale per questa tipologia di fisico.  Un po’ più di difficile il classico tubino adatto alla figura regolare e alla figura a mela dal fianco più stretto. Fortunatamente vengono in aiuto i tessuti elasticizzati e comfort. Per chi ha il fianco generoso ed e’ amante  del tubino longuette e’ meglio che scelga una linea troppo stretta al fondo. Per la donna dal fisico a mela  è consigliabile  una gonna sempre morbida ma mai esageratamente lunga”.

 

Piemontese diplomato presso un istituto professionale per il commercio, dopo una breve esperienza presso l’azienda Ferrero, è finito a lavorare per il gruppo Miroglio per caso. Una breve parentesi a Milano per un corso accelerato da modellista e tanta gavetta con ottimi insegnanti, gli hanno permesso di occuparsi di una linea di moda disegnata da Moschino. Oggi lavora con il gruppo Miroglio per il brand Motivi.

 

Lascia un commento

*