Le donne e i fatidici ‘trenta’ </br> A quali modelli ci si ispira?

Le donne e i fatidici ‘trenta’
A quali modelli ci si ispira?

Tanti i punti di riferimento femminili: dalla Cristoforetti alle dive di Sex and the City.

La soglia dei trent’anni arriva prima o poi per tutte le donne, ma non tutte reagiscono nello stesso modo a questo evento. Tutte, o quasi tutte, ricordano che le proprie madri erano già sposate con figli a trent’anni e questo spesso le mette in crisi. Come sostengono i telefilm americani i trenta sono gli anni di mezzo, quell’età in cui una donna si sente adulta, ma ancora non del tutto. Una trentenne, infatti, oggi, quasi sempre non ha ancora un lavoro stabile, è in cerca dell’uomo della propria vita e ha un rapporto molto particolare con i propri genitori.

Nonostante l’Italia non offra grandi opportunità di lavoro, una ricerca sulle trentenni realizzata in occasione del trentesimo compleanno di Vitasnella Danone ha mostrato che le donne prossime agli ‘enta’ non si vogliono accontentare e cercare un lavoro stabile e che le soddisfi. Questo dato fa capire come effettivamente le trentenni di oggi non abbiano un lavoro stabile perché trovarne uno che ti soddisfi pure è ormai un’impresa.

Inoltre, sembra che arrivate alla soglia dei trenta le donne che avevano un compagno improvvisamente siano messe di fronte ad un bivio. Da un lato ci sono coloro che devono scegliere tra: “o lo sposi o lo lasci”. Dall’altro invece, le single, per scelta loro o dei genitori, cominciano ad entrare nella spirale del “sono ancora giovane e posso divertirmi”.

Ci sono poi quelle che, non festeggiando, pensano di ingannare il tempo e continuano a comportarsi come se la famosa “età da marito” non arrivasse mai. Come non dimenticare infine le nostalgiche di Sex and the city, che pensavano di vivere una vita come quella di Carrie e le sue amiche e, invece, si ritrovano ancora a casa dei genitori con un pigiama di pile e la mamma che porta loro il caffè a letto?

Ma le trentenni italiane non sono soltanto queste. Come dice la ricerca citata prima, Esistono numerose donne che guardano con orgoglio e ammirazione all’astronauta Samantha Cristoforetti e cercano di vivere i loro trent’anni senza pensare di essere con un piede nella fossa o senza credere di essere Madonna degli anni ’80, ma con la dignità di una donna che sta maturando e sta cercando il proprio posto nella società.

Lascia un commento

*