A tu per tu con mister Licciardi </br> “Vogliamo arrivare in serie B”

A tu per tu con mister Licciardi
“Vogliamo arrivare in serie B”

Il tecnico della Ludos ci racconta gli obbiettivi della società.

PALERMO – Anche se il nuovo campionato non è ancora iniziato le ragazze della Ludos Calcio Palermo hanno già iniziato gli allenamenti. Il 18 settembre scorso le giocatrici, tra i quindici e i venticinque anni, hanno iniziato la preparazione atletica sotto l’occhio attento del mister Antonella Licciardi. Noi di LeiSì abbiamo parlato proprio con lei e ci siamo fatti anticipare qualcosa.
“Dopo due anni sono tornata ad allenare e ho trovato una squadra completamente rinnovata – ha spiegato la Licciardi – sono tutte ragazze giovani alcune delle quali molto promettenti. Da quando abbiamo iniziato la preparazione ci siamo allenate tutti i giorni tranne la domenica anche se ancora non sappiamo quando inizierà il campionato”.

Con la nuova stagione alle porte le ragazze della Ludos non hanno perso tempo e si faranno trovare allenate e combattive.
“L’obiettivo che la società si è posto è quello di arrivare al campionato interegionale – ha continuato il mister – dopo la serie C non si accederà più alla serie B ma a questo campionato. Quindi ci stiamo allenando per raggiungere questo traguardo. In tre anni comunque contiamo di arrivare in serie B”.

La serie B è dunque il traguardo a cui vogliono arrivare le giovani atlete. Ovviamente ci sono degli avversari da battere.
“Visto che il calendario del campionato non è ancora uscito materialmente non sappiamo contro chi dovremo giocare. Sicuramente ci sono alcune squadre che ci danno dei pensieri come il Marsala che ha già partecipato lo scorso anno, e l’Aci Sant Antonio. Però ufficialmente ancora non sappiamo nulla”.

Se da un punto di vista nazionale il calcio femminile sembra in crescita, la Sicilia e il sud Italia stanno vivendo uno dei periodi più bui da questo punto di vista. “Sei società su dodici sono state assorbite da società maschili quali la Juve, il Sassuolo, il Chievo Verona, l’Atalanta ed altre. Questo è un grosso passo in avanti ma purtroppo al sud la situazione non è così rosea – ha concluso la Licciardi – se nel resto d’Italia la situazione sembra migliorare noi invece stiamo vivendo uno dei periodi più biu della storia del calcio femminile”.

Lascia un commento

*