Hope, la bambina vissuta per 74′</br> è la più giovane donatrice di organi

Hope, la bambina vissuta per 74′
è la più giovane donatrice di organi

I genitori hanno preferito donare gli organi della bambina.

In soli 74 minuti Hope (Speranza) è riuscita a stringere con la manina il dito al suo papà e a salvare la vita di altre persone, diventando la più piccola donatrice di organi della Gran Bretagna. La sua storia sta commuovendo il mondo intero, trasmettendo un bellissimo messaggio d’amore e di speranza.

Secondo quanto riportato dal Daily Mirror e dalla Bbc, alcuni mesi fa Emma ed Andrew Lee hanno scoperto di essere in attesa di due gemelli. La felicità per la coppia è durata purtroppo poco perché uno dei due bambini era affetto da anencefalia, una malformazione congenita gravissima visibile fin dalle prime settimane di gestazione e che consiste nel mancato sviluppo del cervello e delle ossa della scatola cranica.

Di fronte alla possibilità di un aborto selettivo, Emma ed Andrew hanno deciso di portare a termine la gravidanza, arrivando infine alla decisione di donare gli organi una volta che Hope fosse nata. In particolare i reni che grazie alla loro elasticità possono essere trapiantati anche negli adulti. E così è stato. I medici inoltre hanno prelevato e congelato alcune cellule del fegato della piccola che saranno utilizzate per i pazienti in attesa di un trapianto di questo organo.

Hope è nata qualche minuto prima di suo fratello Josh, che gode di ottima salute, ed è sopravvissuta per 74 minuti esatti.
Prima di Hope, il donatore più giovane del Regno Unito era Teddy, un bambino vissuto 100 minuti.

Lascia un commento

*