Mob School, prima esibizione live </br> per gli allievi di Massimiliano Arizzi

Mob School, prima esibizione live
per gli allievi di Massimiliano Arizzi

502

I cinque artisti si alterneranno sul palco di ‘Agita ed eccita’.

Quattro allievi della Mob School di Palermo si esibiranno giovedì undici maggio per la prima volta in un pub davanti ad un pubblico vero. Il locale scelto è ‘Agita ed Eccita’ e gli allievi scelti dal cantante Massimiliano Arizzi sono Maria Luce Pillitteri, Fabrizio Calabria, Francesco Milazzo, Irene Russo e Chiara Gambino.

Maria Luca Pillitteri.

Maria Luce Pillitteri.

“Vista la mia grande passione nello scoprire nuovi talenti ed incoraggiarli ad imboccare la strada della musica ho voluto creare questo evento per far misurare i miei allievi con un pubblico vero – ha spiegato Arizzi – il locale è solitamente il luogo dove si comincia il mestiere del cantante ed è la prima forma di lavoro che si prospetta a questi ragazzi. Questa serata didatticamente è molto importante perché aiuta a capire come si gestisce un concerto e soprattutto il pubblico di un concerto. Inoltre ho anche il piacere di far esibire questi ragazzi e fargli utilizzare tutto quello che hanno imparato in aula”.

Francesco Milazzo.

Francesco Milazzo.

Una prima volta carica di emozioni dove le quattro bellissime voci del futuro panorama musicale siciliano si alterneranno sul palco del locale. “Ci tengo a sottolineare che questa è una cosa che non fa nessuno – ha continuato – è un modo per far capire agli allievi qual è il lavoro che andranno a svolgere. Si può essere tecnicamente perfetti ma se non si trasmettere emozione, se non si riesce a far recepire il messaggio che la musica vuole mandare, la bravura tecnica non serve allora a nulla”.

Irene Maltese.

Irene Maltese.

Ed è questo l’intento di Arizzi: insegnare ai propri allievi a trasmettere emozioni ed entrare in sintonia con il pubblico che si troveranno di fronte. “Voglio che i miei allievi imparino la tecnica e trasmettano emozioni”, ha concluso.

Chiara Gambino.

Chiara Gambino.

Lascia un commento

*