Gambe lisce alla perfezione </br> Cinque regole per la ceretta doc

Gambe lisce alla perfezione
Cinque regole per la ceretta doc

Arrivare in spiaggia senza peli e senza irritazioni? Si può. Con i consigli di Clara Spera

La lotta al pelo è già ben avviata. Chi di voi sceglie la ceretta come metodo di depilazione per affrontare al meglio l’estate? La maggioranza delle donne italiane alzerà la mano. La ceretta, infatti, è il giusto compromesso tra efficienza ed economicità del trattamento: il pelo ricresce dalle due settimane al mese, ben più della classica ‘passata’ di rasoio, ed è sicuramente meno impegnativo per il portafoglio di una depilazione definitiva o semi-definitiva come il laser o la luce pulsata.

Come arrivare al giorno dell’appuntamento preparate alla depilazione? Clara Spera, estetista qualificata e proprietaria del centro di estetica e dimagrimento ‘La Belle Epoque’, ci dispensa cinque suggerimenti.

1 – I peli non ci sono solo in estate, bisogna trattarli anche in inverno. “Molte donne, complici i pantaloni e le gonne lunghe, rimandano il momento fatidico a maggio, lasciando che sulle gambe e sulle braccia prolifichino i fastidiosi nemici. In questo modo il pelo non solo si indurisce, ma si infoltisce notevolmente e aumenta in quantità. Depilarsi una volta al mese, anche durante la stagione invernale, contribuisce a ridurre e rallentare la ricrescita”.

2 – “E’ fondamentale idratare la pelle in qualsiasi momento dell’anno, specialmente la fastidiosa pelle secca sulle gambe. Dopo la doccia, una buona crema nutriente aiuta a tenere elastica e morbida l’epidermide. Ne consegue che, alla depilazione, il dolore dello strappo diminuisce e l’efficacia della ceretta aumenta. Idratare la pelle ogni giorno, per tutta la settimana precedente all’appuntamento, è una buona norma per arrivare pronte e preparate”.

3 – “Fare un peeling o uno scrub tre giorni prima della ceretta programmata, per eliminare le cellule morte e favorire la tecnica dello strappo. Di norma è consigliabile eseguire un trattamento ad hoc per il nostro tipo di pelle anche durante la stagione invernale, una volta al mese o ogni quindici giorni a seconda delle nostre esigenze”.

4 – Sfatiamo un mito: la ceretta non toglie l’abbronzatura! “Lo strappo, oltre a togliere i peli, va a rimuovere lo strato di cellule morte che si deposita sulla nostra pelle rendendola più scura. Per questo, quando facciamo la ceretta, ci sembra di diventare più chiare. Non è l’abbronzatura, però, ad essere tolta! Per questo, prima di esporsi al sole, è comunque bene fare uno scrub che elimini le cellule morte, in modo da abbronzare la pelle ‘sana’. Ovviamente è indispensabile applicare sempre una protezione solare adatta, partendo dalle fasce più alte per le prime esposizioni”.

5 – “Dopo la ceretta, non esporsi subito ai raggi UV. Che sia la tintarella sulla spiaggia o una lampada invernale, gli strappi hanno reso la pelle più sensibile. E’ consigliabile aspettare anche fino a ventiquattro ore per non rischiare di irritare l’epidermide”.

Lascia un commento

*