FoodArt Gallery a Palermo </br> Tra nutrizione, arte e benessere

FoodArt Gallery a Palermo
Tra nutrizione, arte e benessere

Primo incontro della manifestazione sull’importanza dell’alimentazione.

Grande affluenza e interesse per il primo incontro inaugurale del percorso FoodArt Gallery avvenuto domenica 15 maggio e inserito nel programma della “Settimana della Culture” di Palermo. La bottega 6 dei Cantieri Culturali della Zisa, per l’occasione, è diventata lo scenario di una tavola rotonda incentrata sulle tematiche della nutrizione e della corretta alimentazione.

La dott.ssa Rossella Sucato, Presidente di NutriSicilia,
ha aperto il dibattito raccontando il lungo processo organizzativo, durato circa un anno e mezzo, che ha condotto all’organizzazione delle dodici giornate della manifestazione che si concluderà il 7 agosto. “Il progetto nasce per abbinare la sana e corretta alimentazione e l’espressione artistica che induce benessere nell’uomo. Attraverso Vernissage vogliamo coinvolgere chi è affetto da malattie legate alla dipendenza dal cibo a produrre opere arte e a fare qualcosa di diverso evitando di concentrarsi su ciò che si mangia”. Protagonisti dell’esposizione sono stati gli artisti Oliva Patanella, Valentino Bellini, Loredana Troìa, Anna Torres e Salvo Valenti.

IMG_4652Un punto di vista medico-scientifico è stato offerto dal dott. Salvatore Requirez, responsabile del progetto Formazione, Educazione e Dieta, che ha spiegato come l’attenzione al cibo può aiutare a contrastare l’insorgere di malattie cardiovascolari, respiratorie e croniche come il diabete. Sullo stesso piano il dott. Claudio Ales, Coordinatore Regionale Malattie Rare, ha fatto notare come sia possibile anche tenere sotto controllo determinate patologie “attraverso la prevenzione soprattutto alimentare. Malattie come il morbo di Parkinson prevedono alcuni tipi di diete e corretti stili di vita che permettono di ridurre l’uso di farmaci e avere una qualità di vita migliore”.

Per mostrare l’evoluzione e l’involuzione della dieta
mediterranea a partire dagli anni ’70 fino ai nostri giorni è intervenuta Katarzyna Dembska, coordinatrice del BCFNYES – Barilla Center for Food & Nutrition. Risultato delle ricerche della fondazione no profit di cui fa parte è la cosiddetta “piramide rovesciata” che presenta in basso i prodotti di origine vegetale che richiedono un minor numero di trasformazioni e quindi hanno un impatto meno dannoso sull’ambiente rispetto ai prodotti di origine animale. Madrina dell’evento in rappresentanza del Comune di Palermo è stata Rita Vinci della Commissione delle attività produttive. La conferenza è stata allietata, in fase finale, da un aperitivo offerto dagli chef del Coulinary Team e dalla cantina Costantino Wines.

Lascia un commento

*