Evitare gli sprechi e smaltire i rifiuti </br> L’idea del portale siciliano Riusalo.it

Evitare gli sprechi e smaltire i rifiuti
L’idea del portale siciliano Riusalo.it

Liberarsi degli oggetti che non usiamo più ed aiutare l’ambiente. Ecco la start up nata a Bagheria.

Quello dello smaltimento dei rifiuti è uno dei problemi  maggiori che interessano le nostre città, purtroppo  facilmente visibile sulle strade. Se poi si parla di rifiuti ingombranti, la faccenda si complica ulteriormente. Con l’impegno di tutti è però possibile fare dei piccoli passi verso il miglioramento, coinvolgendo anche le amministrazioni cittadine.

È proprio sul territorio siciliano che si è sviluppata un’idea davvero interessante, frutto dell’iniziativa dell’Asinco s.r.l, con sede a Bagheria, si tratta del portale Riusalo.it. Attivo dall’1 aprile, ha già interessato alcuni comuni sul territorio nazionale, e coinvolto numerosi privati cittadini grazie al web. È accessibile da tutte le piattaforme digitali: basta registrarsi e caricare una foto dell’oggetto di cui ci si vuole disfare, decidendo anche per quanto tempo dovrà rimanere in vetrina.

L’oggetto in questione verrà regalato a chi lo sceglierà, diversamente, se superato il tempo stabilito nessuno lo avrà prenotato, sarà inoltrata la richiesta al comune di competenza, affinché il rifiuto possa essere smaltito adeguatamente. È anche possibile però iscriversi al sito per seguire la procedura guidata che indica come smaltire il rifiuto, senza passare dalla vetrina, nel caso in cui l’oggetto non sia più riutilizzabile. È possibile navigare all’interno della piattaforma per categorie, nel caso in cui si sia alla ricerca di un oggetto specifico.

Questa rete non solo evita gli sprechi, ma si fa chiaramente carico di un progetto di smaltimento eco-sostenibile e consapevole, facendo da tramite tra privati cittadini e Comuni, che possono a loro volta mettersi in comunicazione diretta col sito. Come è possibile leggere sullo stesso portale, riutilizzando solo l’1 per cento dei rifiuti, per i privati cittadini è possibile raggiungere un risparmio di 8.650.000 euro.

Lascia un commento

*