Allevamento di chiocciole </br> In Sicilia, ‘Lumaca Madonita’

Allevamento di chiocciole
In Sicilia, ‘Lumaca Madonita’

3864

L’azienda di Campofelice di Roccella realizza prodotti per gastronomia e bellezza.

Avete mai sentito parlare di elicicoltura? Vi spieghiamo noi di cosa si tratta, scopriremo il mondo che si cela dietro all’allevamento di lumache insieme a Davide Merlino, uno dei titolari di ‘Lumaca Madonita’, il più grande allevamento di chiocciole d’Italia, ovviamente in Sicilia. Rispetto per la natura, amore e cura stanno alla base dell’azienda.

Davide Merlino nell'azienda Lumaca Madonita.

Davide Merlino nell’azienda Lumaca Madonita.

Una scoperta che ha cambiato la vita ad un gruppo di amici a Campofelice di Roccella. “L’azienda nacque per caso – racconta Davide Merlino -. Michelangelo, uno dei miei due soci, ha sentito parlare dell’elicicoltura come possibile alternativa alla tradizionale agricoltura e nel 2006 abbiamo iniziato a fare dei test, ma quasi per gioco, e nel 2009 è nata l’azienda. Dopo tre anni di esperienza diretta sul terreno, siamo riusciti a creare un sistema di allevamento tutto nostro e ad avere la prima grossa produzione”.

Passione e cura del dettaglio, le lumache hanno bisogno di sentirsi coccolate.

Passione e cura del dettaglio, le lumache hanno bisogno di sentirsi coccolate.

Per diventare elicicoltore è bene affidarsi a chi ha esperienza. “Conviene sempre appoggiarsi a persone che lo fanno da anni – commenta Merlino -, infatti Lumaca Madonita dal 2011, vista la grande esperienza e il sempre più grande interesse nel settore, è diventata punto di riferimento italiano per chi volesse realizzare un nuovo allevamento. Ci occupiamo della progettazione, consulenza, fornitura dei materiali ed acquisto della produzione con contratti quinquennali”.

L’allevamento di lumache si presta a diverse produzioni. “Il mercato è sempre in forte crescita – spiega l’elicicoltore – in quanto l’Italia importa l’80% del proprio consumo interno di lumache, quindi c’è molto da fare a livello di lumache da gastronomia”. Per prodotti più particolari è bene maturare qualche anno di esperienza. “Poi ci sono i prodotti derivati – continua – come le conserve, la cosmesi alla bava di lumaca e le uova di chiocciola, ma diciamo che sono prodotti che possono arrivare dopo almeno tre o quattro anni di esperienza in allevamento”.

Alcuni prodotti gastronomici di Lumaca Madonita.

Alcuni prodotti gastronomici di Lumaca Madonita.

Lumaca Madonita si rivolge principalmente alla gastronomia. “Il nostro prodotto principale è la chiocciola da gastronomia – dice Davide Merlino – che alleviamo in due specie: Aspersa Muller Madonita ed Aspersa Maxima”. Da qui prodotti ricchi di proprietà benefiche. “La carne di lumaca – continua – è un eccellente sostituto alimentare nelle diete, in quanto completamente esente da grassi ma ricca di proteine e vitamine”. E piccoli gioielli da portare in tavola. “Le Perle delle Madonie (uova di chiocciola) – spiega Merlino – sono un prodotto afrodisiaco, unico nel sapore e bellissimo da servire. Infine produciamo conserve a base di carne di lumaca preparate con ricette della tradizione ma completamente riviste in chiave moderna”.

Dalla gastronomia alla cosmesi. “Realizziamo anche la crema viso cosmetica alla bava di lumaca – racconta Merlino – che ne contiene fino all’81,4 % e dove abbiamo inserito solo prodotti di alta qualità come aloe vera, olio di jojoba, burro di karité acido glicolico, allantoina, elastina e vitamine A-B-E”.

Crema viso a base di bava di Lumaca Madonita.

Crema viso a base di bava di Lumaca Madonita.

Lumaca Madonita mette la sua esperienza a disposizione di chi è interessato all’elicicoltura. “Puntiamo alla realizzazione di un centro di formazione – conclude Davide Merlino -, scuola di cucina dedicata al nostro prodotto ed eventi da realizzare direttamente in allevamento, per un’esperienza unica ed inimitabile grazie alla bellezza della posizione del nostro terreno che si affaccia sulla costa. Una struttura di circa 700 mq dove realizzeremo magazzini di lavorazione e stoccaggio, uffici, sala convegni, cucine e sala degustazioni”.

 

Lascia un commento

*