‘Donne, Nuova Classe Dirigente’ </br> Il progetto della Fondazione Marisa Bellisario

‘Donne, Nuova Classe Dirigente’
Il progetto della Fondazione Marisa Bellisario

Doppio incontro a Palermo, nella cornice di villa Igiea, per discutere sulla condizione della donna nel mondo del lavoro.

Nella cornice di Villa Igiea a Palermo si è tenuta venerdì 24 ottobre la prima delle due giornate volute dalla Fondazione Marisa Bellisario e dalla sua fondatrice Lella Golfo a favore dello sviluppo dell’imprenditoria femminile. La seconda, in programma per sabato 25. Giunta alla sua quindicesima edizione, la manifestazione riunisce le più grandi imprenditrici italiane per analizzare i progressi ottenuti dalla classe femminile nel mondo del lavoro e dell’impresa. La Fondazione Marisa Bellisario, infatti, venne fondata nel 1989 con l’idea di promuovere le capacità e le professionalità femminili, aiutando le donne a muovere i giusti passi sulla strada dell’imprenditoria. Da allora, viene rinnovato ogni anno il Premio Marisa Bellisario, che in questi anni ha assegnato più di quattrocento riconoscimenti a manager, artiste, imprenditrici e donne delle istituzioni. Rigorosamente tutto declinato al femminile.

Il primo dei due incontri è stato moderato da Silvia Vaccarezza, giornalista del TG2. Sono intervenute la Presidentessa Lella Golfo, che ha esposto le motivazioni che sottendono alla nuova edizione del Convegno e alla scelta di essere quest’anno in Sicilia, Marcella Cannariato, responsabile Sicilia della Fondazione Marisa Bellisario, vincitrice del Premio 2013 ‘Alle grandi Donne di Sicilia’, l’ex presidente del Senato Renato Schifani, intervenuto a sostegno del lavoro di Lella Golfo. Tra gli interventi  si menzionano inoltre quelli di Alessandra Paola Ghisleri, che ha presentato i risultati della sua ricerca condotta sull’opinione degli italiani circa la presenza delle quote rosa, di Carlo Alberto Carnevale Maffé, docente di Strategia presso la Scuola di Direzione Aziendale-Università Bocconi, di Cristina Scocchia, Amministratore Delegato L’Oreal Italia, di Silvia Merlo, Ammnistratore Delegato di Merlo e infine di  Tommaso Dragotto, fondatore di Sicily by Car.

Le due giornate partono da Palermo con il preciso obiettivo di sfatare il mito, secondo le stesse parole della presidentessa Golfo, “che gli italiani siano tutti dei Gattopardi: a parole vogliamo che tutto cambi, ma solo perché tutto rimanga com’è”. La crisi economica iniziata nel 2008 ha spinto l’acceleratore sulla necessità di creare nuove forme di imprenditoria, che non possono non stare al passo con i tempi moderni sull’evoluzione del mondo e del modo di lavorare. In questo, le donne coprono sicuramente un ruolo chiave. Hanno conquistato le sedie del potere: nel 2008 solo il 5,6% delle donne occupavano un posto nei consigli di amministrazione; adesso siamo al 22%. I numeri sono cresciuti e continuano a farlo. Ciò su cui bisogna spingere adesso, secondo le parole della presidentessa, è “la conquista del potere. Il potere di decidere e di incidere, d’indirizzare le scelte e le strategie, nelle imprese e nel Paese”. Un potere che deriva, innanzitutto, dalla conquista della credibilità e dell’autorevolezza, dimostrando le capacità e le competenze che il lavoro e gli studi ci hanno fatto acquisire. Ma non solo. “Passo importante – aggiunge ancora la Golfo –  è la condivisione, l’unica che renderà il nostro potere saldo, che ci trasformerà in una classe dirigente. Dobbiamo imparare a mettere a fattor comune saperi e poteri con un sano spirito corporativo. Dobbiamo fare rete, essere una lobby di potere vero”.

La Presidente Lella Golfo è impegnata politicamente da anni nella lotta per le pari opportunità. Oltre alle numerose proposte di legge, perpetuate per garantire una maggiore presenza femminile nelle istituzioni e nei consigli di amministrazione delle Pubbliche Amministrazioni, è anche l’intestataria della Legge 120/2011, comunemente chiamata “Legge Golfo”, che prevede l’introduzione obbligatoria delle quote di genere nei CdA delle società quotate e controllate. La Fondazione ha creato, inoltre, una commissione di controllo per vigilare sull’effettivo rispetto della suddetta legge, in collaborazione con gli enti locali e statali.

Toccante e fonte di riflessione una frase pronunciata dalla Golfo, che LeiSì vuole riprendere e sottolineare a beneficio delle lettrici: “Non mi pento di nulla… perché sono l’impegno e la dedizione le chiavi del successo”. Una carriera costruita sull’impegno politico, a favore di una situazione dell’imprenditoria femminile che, se oggi può definirsi decisamente migliore rispetto al passato, è soprattutto per merito suo.

Lascia un commento

*