Diesel o Deisel? </br> Quando la moda si beffa dei falsari

Diesel o Deisel?
Quando la moda si beffa dei falsari

Il creatore del marchio Diesel, inganna i clienti di New York con una capsule collection ‘tarocca’.

Capsule collection o abile trovata pubblicitaria? Renzo Rosso, creatore del marchio Diesel, si occupa da qualche tempo della comunicazione per la sua azienda. Se nel 2017, insieme al fotografa David La Chapelle, ha dato vita alla campagna “Make love, not walls”, quest’anno per New York ha pensato a qualcosa di diverso. Rosso non affronta stavolta il tema delle diseguaglianze sociali ma quello dei falsi nella moda con l’intento di generare scalpore “usando tanta (auto)ironia“.

LEGGI ANCHE: Disney x Coach 1941. Ecco la capsule dedicata a Minnie

DEISEL E NON DIESEL

Nel cuore di China Town, in Canal Street, la via di falsari più famosa al mondo, il 1° febbraio è stato aperto un finto negozio con insegna “Deisel “e non “Diesel”. Colori uguali, font identico, stile studiato con un’unica differenza: lo scambio di vocale. Anche gli interni del negozio sono stati studiati ad arte creando caos e disordine sugli espositori e ammassando la merce alla rinfusa.

Per capire la reazione dei possibili acquirenti, è stato filmato tutto ciò che è accaduto all’interno del negozio improvvisato. Al di là dell’etichetta falsa e qualche dettaglio studiato per confondere, i modelli sono originali e gli acquirenti, attirati da quelle che credevano ottime imitazioni, sono stati pronti a concludere i propri affari. Di fatto i clienti furbi hanno dei pezzi unici.

diesel falsi

Lo slogan della candid camera pubblicata sul sito diesel.com recita infatti: “Quelle che pensavi fossero imitazioni, sono autentici Diesel in edizione limitata! Se sei stato così scaltro da fare acquisti qui, ti sei portato a casa la qualità Diesel al prezzo di un’imitazione”. E’ un modo molto personale e di grande impatto mediatico per denunciare la diffusione di falsi nel mondo del fashion e i danni economici causati alle aziende.

LEGGI ANCHE: Zara, nasce il primo pop up store. Attenzione speciale allo shopping hi-tech

I capi rimasti dalla vendita in Canal Street sono disponibili sul sito del brand fino al 13 febbraio.

Lascia un commento

*