Cinema: tre pellicole siciliane </br> volano alla Biennale di Venezia

Cinema: tre pellicole siciliane
volano alla Biennale di Venezia

Dei quattro film italiani selezionati ben due sono siciliani, più un terzo fuori concorso.

Per la prima volta la Trinacria di Sicilia può mostrare tutte le sue punte alla 72esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, che si svolge dal 2 al 12 settembre. Il 2015 vede in gara due pellicole isolane, “A Bigger Splash” del palermitano Luca Guadagnino e “L’Attesa” dell’esordiente Piero Messina. A completare il trittico torna, dopo il successo della scorsa edizione, Franco Maresco con il suo “Gli uomini di questa città io non li conosco”, documentario fuori concorso.

Luca Guadagnino.

Luca Guadagnino.

Dei quattro film italiani selezionati dalla giuria, ben due sono siciliani, anzi sicilianissimi. I lungometraggi sono stati promossi e finanziati dalla ‘Sicilia Film Commission’ e rigorosamente girati sull’isola. L’annuncio della selezione è stato dato con orgoglio da Cleo Li Calzi, Assessore regionale al Turismo Sport e Spettacolo, e Alessandro Rais, Direttore dell’Ufficio Speciale per il Cinema e l’Audiovisivo dopo la pubblicazione ufficiale dei titoli. Gli altri italiani in gara sono “Sangue del mio sangue” di Marco Bellocchio e “Per amor vostro” di Giuseppe Gaudino.

“A Bigger Splash” di Luca Guadagnino non è un semplice remake de “La piscina”, film francese del 1968 con Alain Delon e Romy Schneider, ma ne prende spunto. Consacratosi al cinema con “Io sono l’amore” (2009), Guadagnino gira la nuova pellicola interamente a Pantelleria. Una coppia americana, Paul (Ralph Fiennes) e Marianne (Tilda Swinton), trascorre le vacanze in Sicilia. Gelosie, scenari erotici e atmosfere thriller dopo l’arrivo dell’ex amante di lei con la giovane figlia (Dakota Johnson).

Piero-Messina

Piero Messina.

Piero Messina di inquadrature se ne intende. Dopo la collaborazione con Paolo Sorrentino come aiuto regista in “This Must Be The Place” e “La Grande Bellezza”, esordisce con “L’attesa”, prodotto da Indigo e Medusa. La storia si svolge a Caltagirone, un paesino dell’entroterra siculo, dove una giovane ragazza, Jeanne, attende l’arrivo del fidanzato Giuseppe a casa della madre di lui, Anna (Juliette Binoche). Tra i protagonisti Lou De Lage e Giorgio Colangeli.

Franco Maresco con il suo documentario “Gli uomini di questa città io non li conosco” racconta Palermo. L’anno scorso si è aggiudicato il primo posto nella sezione ‘Orizzonti’ con “Belluscone”. Protagonista della pellicola è il personaggio di Franco Scaldati, drammaturgo siciliano e figura scomoda del teatro italiano, scomparso due anni fa.

Franco Maresco.

Franco Maresco.

 

Tra red carpet, flash e personaggi famosi attesissimi a Venezia, incrociamo le dita per queste pellicole italiane che giocano in casa, in attesa di un riscatto da Cannes.

Lascia un commento

*