“Bridge all’Università” da ottobre </br> Con il campione del mondo Zanasi

“Bridge all’Università” da ottobre
Con il campione del mondo Zanasi

Anche l’Università di Palermo avvia i corsi per l’inserimento del bridge tra le iniziative socio-culturali.

PALERMO – Dal prossimo ottobre, all’Università di Palermo, gli studenti potranno partecipare a corsi gratuiti di bridge tenuti dal giovane palermitano Gabriele Zanasi, campione del mondo di quello che non è soltanto un gioco per anziani ma uno sport a tutti gli effetti.bridge all'unipa

Un progetto frutto di una collaborazione ad ampio raggio. È stato infatti sottoscritto un protocollo di intesa dalla Federazione italiana gioco bridge, dal Ministero della Pubblica Istruzione e dal CONI. Dopo le Università di Torino, Milano, Roma e Reggio Calabria, anche Palermo inserisce i corsi di bridge tra le sue iniziative.

Gabriele Zanasi è un ragazzo come tanti, che crede nei sani principi della vita tra cui il divertimento, che spesso ricerca nelle sue partite a bridge. La sua passione è iniziata ai tempi della scuola media, quando seguiva i corsi tenuti da una sua professoressa. Da allora, mosso dal suo trasporto per il bridge, ha ottenuto risultati sempre più prestigiosi a livello internazionale.gabriele zanasi - bridge (1)

L’iniziativa è stata appoggiata dal prof. Maurizio Carta, presidente della Scuola Politecnica e delegato dal rettore dell’Università di Palermo per le iniziative socio-culturali legate al territorio. “In questo modo – spiega il professore – intendiamo arricchire la nostra proposta culturale diffondendo la cultura, la logica e i principi di uno dei giochi più interessanti, fatto di un equilibrio perfetto tra agonismo, fair-play e socializzazione: componenti che concorrono alla formazione dei nostri giovani, non solo alle arti tecniche ma anche ai valori della vita.”

L’obiettivo è quello di riuscire a formare una squadra universitaria palermitana che parteciperà in futuro sia ai campionati nazionali ed internazionali che alle Universiadi. “Il gioco – continua Maurizio Carta – è sempre più spesso una importante chiave di accesso per i giovani all’acquisizione e al padroneggiamento di conoscenze complesse e di approcci che prevedano riflessione, interazione e azione. Questo per me vuol dire essere una università aperta”.

Sono tanti gli stimoli che possono arrivare dal bridge. “Per me è fondamentale il corso di bridge all’università – spiega Gabriele Zanasi – per far conoscere il gioco più bello e difficile al mondo e, convinto che farà appassionare molti giovani, sarà la rivincita sul fatto che sia un gioco per vecchi”. Il bridge infatti è stato riconosciuto dal Comitato Olimpico Internazionale e dal CONI.vivere ateneo

L’Associazione Vivere Ateneo si occuperà della divulgazione del programma presso tutte le facoltà e dell’organizzazione dei corsi con relative iscrizioni. Le lezioni si terranno al secondo piano della Facoltà di Ingegneria in Viale delle Scienze, ogni due settimane nel pomeriggio.

Per maggiori informazioni sui corsi è possibile contattare Gabriele Zanasi tramite Facebook, mandare una e-mail a gabrielezanasi@hotmail.it, per telefonate o Whatsapp il numero è 3911078548.

Lascia un commento

*