Balli balcanici, retrò e passione </br> A tu per tu con Le Cardamomò

Balli balcanici, retrò e passione
A tu per tu con Le Cardamomò

Dagli influssi francesi e balcanici all’amore per il Messico. Le Cardamomò si raccontano.

Quattro musicisti eclettici, appassionati e dal gusto un po’ retrò. Si chiamano Le Cardamomò e sono un gruppo nato nel 2010 come progetto puramente musicale, per poi unire ben presto alla performance video-proiezioni, teatro delle ombre e racconti. Antonia Harper, voce e violino, Gioia Di Biagio, organetto e glockenspiel, Marta Vitalini, organetto e percussioni e Ivan Radicioni, voce, fiati e chitarra, sono i quattro componenti del gruppo. “Il primo incontro è avvenuto nel 2010 tra me e le altre due ragazze – racconta Antonia -. Abbiamo cominciato con un repertorio tradizionale di ispirazione francese e balcanica suonando soprattutto per strada. Più avanti il progetto è cresciuto anche perchè si è aggiunto Ivan portando i fiati e la chitarra e abbiamo iniziato a comporre brani originali”.

 

 

Per i primi due anni i quattro si sono esibiti in numerosi festival di teatro e musica e in locali rinomati tra cui il Platoon Kunsthalle di Berlino e la Casa del Jazz di Roma. Nel 2012 è uscito il loro primo album intitolato Cardamomò. Sempre nello stesso anno realizzano il videoclip Valse du Meduse realizzato con la tecnica delle ombre cinesi e la motion graphics che si aggiudica diversi premi e nomination in festival di video e animazione in Italia e all’estero. Ed è proprio Valse du Meduse il titolo del loro show con cui debuttano a Parigi nel 2014 al Théatre de Verre e con cui raggiungono il sold out in Italia in teatri tra cui il Nuovo Cinema Palazzo e per la Notte dei musei all’Ara Pacis a Roma. Nel 2015 Le Cardamomò partono anche per un tour negli Stati Uniti dove si esibiscono al Festival di musica italiana Hitweek a Miami e per le celebrazioni di Halloween a New Orleans.

 

 

Nel 2018 esce il loro nuovo album dal titolo Vive la vie registrato presso Ermes records a Roma e prodotto dall’etichetta romana Bassa fedeltà. Le Cardamomò lo presenteranno al Quirinetta a Roma il 23 marzo corredato da racconti e immagini con i quali il gruppo vorrà trasmettere al pubblico il tema della rinascita attraverso il desiderio che si pone alla base di questo loro nuovo lavoro. “Noi ci ispiriamo ad un passato, ad una musica di atmosfera – spiega Antonia -. Per questo nuovo lavoro ci siamo ispirati alla ballata folk e ai paesaggi onirici e surreali. Vogliamo partire dalla musica retrò per evocare un mondo dei sogni”. Continueranno ad esibirsi nelle prossime settimane con Vive la vie: il 6 aprile al Teatro del Lido di Ostia, il 25 maggio al Mercato Sonato a Bologna, il 27 maggio al Paradiso Perduto di Venezia.

 

 

Frenesia è il primo singolo di questo nuovo progetto dei Cardamomò. Il videoclip di questo brano è stato realizzato grazie alle riprese fatte dai quattro musicisti durante il loro tour negli Stati Uniti nel 2015.  “Frenesia nasce da un testo di Pedro Salinas dal titolo Ahora te quiero che ha come tematica il desiderio – racconta la cantante -. Si tratta di un desiderio imprescindibile come quello del mare che desidera l’acqua quello di cui parla Salinas. Qualcosa che ci appartiene, un desiderio di qualcosa da cui non possiamo distinguerci. Il video evoca non soltanto il tema del desiderio, della frenesia che ci muove sempre a viaggiare e a cercare qualcosa nella vita, ma anche l’atmosfera messicaneggiante. Siamo partiti da Miami che è la città più latina degli Stati Uniti e poi abbiamo girato negli stati del sud fino a New Orleans”. Il brano richiama influenze presenti in tutto l’album come il gusto per il grottesco, la festività del Día de Muertos e l’amore per il Messico. Qui potete vedere il videoclip di Frenesia.

Lascia un commento

*