Appuntamento con la medicina estetica  </br> I pro e i contro del botox

Appuntamento con la medicina estetica
I pro e i contro del botox

Abbiamo chiesto alla dottoressa Francesca Li Muli cos’è il botox e quando è opportuno utilizzarlo.

Si sa, noi donne vogliamo essere sempre perfette. Vorremmo che il tempo non passasse mai e già l’apparire delle prime rughe ci fa entrare in agitazione. Fino a quando non si scoprirà la formula dell’elisir dell’eterna giovinezza le soluzioni sono due: o abituarsi allo spuntare delle rughe o rivolgersi al medico estetico. Noi di LeiSi, abbiamo chiesto alla dottoressa Francesca Li Muli, laureata in medicina estetica, cos’è il botox e quali sono i pro e i contro.

Da qualche anno a questa parte molte donne si sono rivolte al medico estetico per il botox. Ma in cosa consiste esattamente?

“Il botox è un trattamento che viene effettuato dal medico estetico su particolari zone del viso. In particolare vengono trattate le rughe della fronte, degli occhi e del contorno occhi. Il botox contiene la tossina botulinica che è un paralizzante muscolare.  Diversamente dall’acido ialuronico questa tossina viene iniettata in punti particolari che corrispondono ai punti di contrazione dei muscoli. Nel momento in cui si stabiliscono i punti in cui fare la puntura, vengono iniettate da una a tre unità di tossina e nell’arco di qualche giorno, che può andare da una settimana a dieci giorni, vi è da parte della sostanza un rilasciamento dei neuromediatori che permettono la paralisi. Personalmente preferisco definire ciò non come una paralisi, bensì come un rilassamento dei muscoli”.

Quali sono gli effetti del trattamento?

“Per quanto riguarda il contorno occhi, già dopo il primo trattamento, si ha un’apertura maggiore dell’occhio e il sopracciglio risulta alzato, donando alla paziente uno sguardo più giovanile”.

C’è un’età precisa in cui iniziare il trattamento?

“In genere viene fatto dopo i 35-40 anni ma ci sono ragazze più giovani che vi si sottopongono. Il problema è che se ci si sottopone in età giovane, ad esempio a 25 anni, una volta iniziato il trattamento, che deve essere fatto ogni sei mesi più o meno a seconda del paziente, ci si abitua e le successive sedute possono essere meno efficaci perché il muscolo non risulta più reattivo alla tossina botulinica. Per questo non viene fatto quasi mai al di sotto dei 35 anni”.

Quante sedute si devono fare?

“Come terapia si fa ogni sei-otto mesi, al ricomparire delle rughe. Quando il paziente non vuole sottoporsi torna allo stato iniziale, non vi è un peggioramento”.

In quale parti del corpo può essere effettuato il trattamento?

“Viene fatto nel contorno occhi e nella fronte, in altre zone del corpo no. Questo perché, come ho detto, porta alla paralisi dei muscoli e ci sono stati casi di paralisi dei muscoli del collo che hanno causato problemi respiratori”.

Quali sono gli effetti collaterali?

“Si potrebbe avere una ptosi palpebrale cioè una chiusura dell’occhio. La tossina può migrare se dopo il trattamento il paziente si alza dopo pochissimi minuti. Quindi invece dell’effetto di apertura dell’occhio se ne ha uno di chiusura. Io personalmente, dopo il trattamento, faccio rimanere il paziente steso per mezz’ora, specialmente se è la prima seduta, così non c’è il rischio che la tossina migri. Altro effetto collaterale può essere la dilatazione eccessiva dell’occhio, specialmente se si mettono quantità in più”.

Chi non può sottoporsi al botox?

“Devono evitarlo gli allergici, i diabetici, le donne in gravidanza e chi ha malattie muscolari”.

Quali sono i costi?

“Il costo di una terapia intera va dai 300 ai 350 euro”.

Lascia un commento

*