Anime, l’ultimo film della Ghibli</br>“La storia della principessa splendente”

Anime, l’ultimo film della Ghibli
“La storia della principessa splendente”

Nelle sale l’ultimo film di Isao Takahata, fondatore insieme ad Hayao Miyazaki dello studio giapponese vincitore di premi oscar.

Gli appassionati di animazione giapponese conoscono bene lo studio Ghibli, fondato nel 1985 a Tokyo da Hayao Miyazaki, regista vincitore di premi Oscar, e da Isao Takahata. Per citare qualche titolo (che ha conquistato anche il grande  pubblico): La città incantata, Il castello errante di Howl e Ponyo sulla scogliera, film del 2008, bandiera della tecnica di disegno tradizionale dello studio, che da allora è l’ultimo rimasto ad utilizzarla.

Il film, uscito giorno 3 novembre, rimarrà nelle sale fino al 5 e sarà l’ultimo diretto da Takahata. La storia della principessa splendente trae origine da un’antica leggenda giapponese, il testo originale di quella che viene considerata una fiaba della tradizione, fatta risalire al X secolo. È per questo stata oggetto di molti adattamenti per il cinema, la televisione, i fumetti.

La trama: la principessa ,neonata, viene ritrovata all’interno di una canna di bambù, da quello che sarà il padre adottivo. Crescerà e diventerà una bellissima e malinconica donna: la sua fama farà innamorare di lei cinque pretendenti e l’imperatore stesso, ma tutti verranno rifiutati. In mezzo tante peripezie e ricerche, la ragione: nella conclusione, che non spoileriamo per chi lo andrà a vedere!

Un film originale e delicato per un pomeriggio o una serata al cinema fuori dalle solite visioni.
In tutti gli Uci Cinema e al Metropolitan

Lascia un commento

*