Aloe vera, da Cleopatra ad oggi </br> I mille usi di una pianta miracolosa

Aloe vera, da Cleopatra ad oggi
I mille usi di una pianta miracolosa

Scopriamo i segreti della pianta che ha proprietà depurative.

L’aloe vera è una pianta dai mille utilizzi. E’ nota da millenni per le sue proprietà medicinali e i suoi usi sono ancora gli stessi, sia in oriente che in occidente. Pare infatti che Cleopatra ne spalmasse la polpa sul viso per mantenere la pelle giovane. Dalle foglie dell’aloe è possibile ricavare il succo condensato e il gel. Il succo viene utilizzato per depurare l’organismo e come lassativo.

Un cucchiaio, bevuto lontano dai pasti, ha la capacità di depurare l’organismo. E’ stato inoltre dimostrato che il succo serve a rafforzare il sistema immunitario. Va assunto infatti in autunno, in inverno o nelle fasi di passaggio tra una stagione e l’altra, cioè quando l’organismo è più provato. Può essere un aiuto in casi infezioni, virus e batteri, come la candida.

Il gel, invece, racchiuso nelle foglie della pianta, ha un effetto rigenerante sui tessuti. I suoi benefici sono molteplici. Primo fra tutti l’effetto lenitivo e rinfrescante specialmente per le scottature. Giornate intere passate al mare regalano una pelle arrossata. Il gel della pianta serve come lenitivo e cura anche gli eritemi solari e stimola il rinnovamento della cute.

Segue la funzione antidolorifica e antinfiammatoria, infatti può essere utilizzato sui tessuti infiammati per alleviare il dolore. Segue la capacità di far cicatrizzare velocemente le escoriazioni.

Ma, come ogni pianta, non è priva di controindicazioni che spesso si manifestano nel tratto gastrointestinale con crampi e diarrea. L’utilizzo del succo è sconsigliato in caso di gravidanza e durante l’allattamento ed è molto importante rispettare i dosaggi consigliati nella confezione. Solitamente si segue un ciclo che può durare tre mesi e poi si interrompe. Il gel, a differenza del succo, non ha riportato effetti collaterali ed è adatto anche per i bambini. Gli unici problemi si potrebbero riscontrare in caso di allergia alla pianta.

Lascia un commento

*