Allenamenti anti-gravity </br> Volteggiare per tenersi in forma

Allenamenti anti-gravity
Volteggiare per tenersi in forma

Yoga e acrobazie da circo unite per una nuova disciplina che serve ad aumentare l’agilità.

Chi non ha mai sognato di volare? Rovazzi e Gianni Morandi ne hanno fatto la loro hit estiva, “Volare”. Chi decide di fare l’acrobata al circo studia per anni per riuscire a volteggiare in aria e realizzare questo sogno ma oggi tutti possono farlo senza dover fare grandi studi: semplicemente praticando un nuovo tipo di allenamento chiamato “antigravity”.

antigravityyoga3

Disciplina brevettata e creata da Christopher Harrison, un danzatore acrobatico di Broadway, l’antigravity è stata pensata per unire le pratiche acrobatiche con la filosofia dello yoga. Questo nuovo regime di fitness è presto arrivato dagli USA in Italia spopolando tra le vip che cercano sempre nuovi allenamenti per tenersi in forma. Tra le celebrity che amano questa disciplina ci sono Federica Fontana, Maddalena Corvaglia e Elisabetta Canalis che posta spesso video in cui si diverte a “volare” con la sua istruttrice di Los Angeles.

Elisabetta Canalis che pratica l'antigravity yoga

Elisabetta Canalis che pratica l’antigravity yoga

L’antigravity è un tipo di allenamento che è stato strutturato per migliorare non solo l’agilità del corpo di chi lo svolge, ma anche la salute. Tutti coloro che praticano questa disciplina possono provare il piacere di sentirsi volteggiare in aria grazie ad un’amaca di stoffa appesa al soffitto attraverso la quale si svolgono le posizioni dello yoga o del pilates.

antigravityyoga

Con questa particolare amaca ci si può capovolgere a testa in giù allungando così gli arti e la colonna vertebrale. Questo genere di posizioni inizialmente potrebbe creare fastidio oltre che paura. Con il tempo, però, ci si abitua e si impara ad allenare la mente e a controllare la paura, si acquisisce una maggior consapevolezza di se stessi e delle proprie capacità. L’antigravity permette anche di ridurre notevolmente la ritenzione idrica grazie al massaggio che viene praticato durante gli esercizi che stimolano la naturale circolazione.

antigravityyoga2

Una classica sessione di Antigravity dura circa un’ora divisa in quattro fasi: la prima parte di riscaldamento e si prende contatto con il tessuto. La seconda fase, invece, è di allungamento e potenziamento con esercizi per le braccia, addominali e glutei, stretching ed equilibrio. La terza fase è acrobatica con evoluzioni aeree e studio della dinamica. Per concludere, l’ultima parte è di rilassamento.

Vi abbiamo fatto venir voglia di provare?

Lascia un commento

*