Alla ricerca dell’uomo perfetto </br> Il tedesco, alto, biondo e…timido

Alla ricerca dell’uomo perfetto
Il tedesco, alto, biondo e…timido

Continua la ricerca dell’uomo perfetto in giro per il mondo, oggi l’attenzione di LeiSi si sposta in Germania.

Ebbene sì, oggi vi presentiamo l’altissimo, biondissimo, bloccatissimo uomo tedesco. Il luogo comune per eccellenza è quello secondo il quale il tedesco è freddo, distaccato, impassibile, con l’emotività pari a quella di una barbabietola da zucchero che trova una compagna di vita più per continuare la specie che per amore. Donne, non è così. Gli uomini tedeschi, sono comunque uomini, e hanno bisogno di attenzioni, amore e tutte quelle cose lì, solo che sono meno intraprendenti degli italiani (c’è un motivo per cui esiste il detto “italians do it better). Il tedesco, in realtà è un timidone, e nel momento in cui si tratta di andare all’attacco si fa prendere dall’ansia da prestazione. C’è comunque da ricordarsi che i tedeschi hanno a che fare con le tedesche, che non sono proprio donne emotive come noi italiane.

Comunque, qui di seguito vi forniamo qualche punto a vantaggio dell’austero tedesco. Vantaggio numero uno, i tedeschi sono galanti (quando dicono loro): vi aprono le porte, vi offrono da bere, vi proteggono dagli ubriachi molesti,  vi accompagnano fino al binario del treno e aspettano che voi siate salite prima di andare e via dicendo. Insomma, se riuscite ad approcciarli e a far breccia nel loro cuore nordico, vi ricopriranno di attenzioni. È la cosa più bella, è che c’e un perché a tutto questo: loro credono fortemente nell’ideale di cavalleria. L’uomo è uomo, e in quanto tale, deve trattare la donna in un certo modo.

Ovviamente, livello di galanteria è proporzionale all’interesse verso gentil fanciulla. Altro punto a vantaggio dei tedeschi: sono timidi. Il tedesco, non vi chiederà di uscire. Non prima che siano passate tre settimane, è questo il tempo medio che gli occorre per capire i loro sentimenti, controllare la loro agenda e prendere la difficile decisione di fare qualcosa. Non esiste il “stasera sei libero?” Tentate magari con un “settimana prossima ti andrebbe di prendere un caffè?” O comunque cose simili, lasciategli almeno una settimana di margine per mettersi a posto con se stessi.

Nota negativa per i nostri bellissimi nordici, i tedeschi sono lenti e devono programmare tutto. Il numero di occhiatine, frecciatine, battute, avances e via discorrendo, è pressoché irrilevante. Un tedesco è pur sempre un tedesco, si deve organizzare e l’organizzazione richiede tempo. Ricordate anche che sono degli stacanovisti, motivo per il quale, avranno piacere di vedervi solo se l’incontro non intralcia il loro quieto lavorare. Data la lentezza, il loro essere timidi e dei maniaci dell’organizzazione efficiente, I tedeschi non fanno mai la prima mossa, rassegnatevi non la fanno mai.

Troppo timidi o troppo spaventati per un possibile rifiuto, che andrebbe a minare la loro indennità di uomo forte, maschio e virile. La causa di questa insicurezza sono le “loro” donne, le tedesche, che ormai hanno preso il posto del maschio in comando. Ultimo punto riguardo l’uomo tedesco, è che la maggior parte sono dei romanticoni corazzati nella migliore delle maniere. Sotto quella corazza di ghiaccio nascondono dei veri sentimenti, bisogna solo dargli una svegliata, fortuna che almeno in questo noi italiane ce la caviamo egregiamente.

Lascia un commento

*