Come abbinare l’animalier </br> I consigli per non sbagliare!

Come abbinare l’animalier
I consigli per non sbagliare!

E’ tornata sulle passerelle la fantasia più graffiante dell’autunno.

Se anche voi siete delle fervide sostenitrici della macchia di giaguaro il 2018 è il vostro anno perché la tendenza animalier non è mai stata così in voga come adesso! Forse non tutti sanno che il primo a portare l’animalier in passerella fu Christian Dior anche se il vero re del maculato fu Gianni Versace. Roberto Cavalli poi lo fece diventare il tratto distintivo delle sue collezioni: ogni capo doveva avere un tocco di maculato, ovvero la sua firma.

L’animalier oggi viene indossato da chi vuole distinguersi, e può essere utilizzato negli accessori, ma anche un capospalla, un abito o una camicia. Indossarlo tutti i giorni non è semplice, bisogna avere dimestichezza con gli abbinamenti e soprattutto bisogna sentirsi a proprio agio con questa fantasia. Ma vediamo nello specifico come bisogna abbinarlo.

Se avete approfittato dei saldi per acquistare un cappotto o una pelliccia ecologica con questa stampa ricordate che il resto del look deve essere molto sobrio, meglio se in total clack. Gli accessori devono sdrammatizzare il look meglio se completate con un paio di sneakers. Se invece vi siete lasciate sedurre da un abito sappiate che non si addice al look d’ufficio, potete utilizzarlo per una serata mondana stando comunque attente agli accessori che abbinate.  Un paio di decollete nere vi daranno un’aria da femme fatale. Chi invece vuol utilizzare questa fantasia con moderazione può optare per un foulard. L’abbinamento classico è quello con il trench lungo beige e, se volete rendere il look molto più glam, un paio di blu jeans skinny.

Ed infine non possono mancare le scarpe! Che siano sneakers o con il tacco, interamente animalier o con qualche dettaglio nel vostro guardaroba devono esserci. Daranno un tocco di brio ai vostri outfit più seri. In ogni caso ricordatevi sempre di bilanciare il look, saper mixare i capi è fondamentale.

Lascia un commento

*