A tu per tu con i ‘Centoquattro’: </br> “Denunciamo attraverso la musica”

A tu per tu con i ‘Centoquattro’:
“Denunciamo attraverso la musica”

1067

La neonata band sta cercando di farsi conoscere nell’agrigentino e non solo.

Una critica nei confronti della società attuale fatta attraverso la musica è quella ideata

Enza Zambito e Angela Sferrazza.

Enza Zambito e Angela Sferrazza.

dalla band agrigentina “Centoquattro”. Il gruppo, nato soltanto da pochi mesi, ha deciso di denunciare la situazione in cui viviamo ideando una satira particolare e affermando che soltanto la famosa ‘legge 104’ può aiutarci a vivere. Noi di Leisì abbiamo parlato con uno dei fondatori del gruppo, Gero Lupo.

“Vista l’età media dei fondatori della band non potevamo scegliere nome migliore – ha affermato scherzosamente Gero Lupo – 104 è il numero che tutti sognano, è il numero del benessere. ovviamente il riferimento alla legge nasconde una critica nei confronti della società in cui siamo costretti a vivere e ancor prima alla classe politica”.

La band è composta da nove persone: Rosario La Rocca alla batteria, Gero Lupo al basso, Peppe Nobile alla chitarra, Nino Cardella alle tastiere, Giuseppe Consiglio al trombone, Calogero Contino alla tromba, Andrea Caravotta al sax ed infine Enza Zambito e Angela Sferrazza alla voce.

Enza Zambito e Calogero Lupo.

Enza Zambito e Calogero Lupo.

“Siamo una cover band quindi suoniamo tutti i brani che ci piacciono, anche se principalmente preferiamo la musica dance anni ‘80, quella della nostra giovinezza”, ha continuato il bassista del gruppo.

Staying alive, I feel good, Never can say goodbye sono soltanto alcuni dei brani che la band propone al proprio pubblico.

“Al momento non abbiamo in cantiere inediti – ha concluso il frontman – essendo un gruppo nuovo stiamo cercando di farci conoscere dal pubblico agrigentino. Ovviamente abbiamo in mente per il futuro qualcosa di nuovo, ma al momento non c’è nulla di concreto”.

Lascia un commento

*